username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Questo sangue che arriva al cuore

Noi siamo un corpo perfetto pur dentro le nostre imperfezioni.
Siamo sangue, carne, ossa e cuore. Ed è proprio questo nostro piccolo punto focale che non conosce il significato della parola arrendersi, fermarsi.
Lui non ne vuole sapere di soste e stop infiniti. Il cuore che anche in punto di morte continua a lottare per la vita non cede alla resa.
Non blocca il susseguirsi delle emozioni dentro sé stesso.
Pur nella disperazione dentro di noi scorre la vita più energica.
Non esiste arresa nel nostro incoscio.
La voglia di mollare è solo una superficie ruvida e piena di piccole pieghe che ci incartano, alle volte, la vera volontà dell'animo.
Dall'antico vaso, da cui uscirono i mali del mondo, il cuore non venne mai colpito.
Esso protegge e ci accompagna nel lungo percorso che è questa nostra esistenza.
Le apparenze che colpiscono il nostro criterio di giudizio dovrebbero sempre rispecchiarsi nel petto così che si possa guardare al prossimo con la sguardo sereno e l'animo spogliato da ogni cattiveria inutile.

 

4
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • ELISA DURANTE il 19/01/2012 20:23
    Il cuore non è solo un muscolo-pompa, è luogo del sentire più intimo e autentico. Ce lo hai ricordato molto bene con questo testo pieno di passione.
  • Giacomo Scimonelli il 20/12/2011 22:35
    ''... Le apparenze che colpiscono il nostro criterio di giudizio dovrebbero sempre rispecchiarsi nel petto così che si possa guardare al prossimo con la sguardo sereno e l'animo spogliato da ogni cattiveria inutile.''

    condivido le tue parole..
  • Ugo Mastrogiovanni il 16/11/2011 13:03
    È evidente che per la giovanissima Giulia Fratocchi parlare di cuore è un po' sognare. La scienza, purtroppo, lo ha relegato alla mediocre funzione di muscolo-pompa, ma a Giulia non interessa, in sole 170 parole e con originale capacità espositiva, è riuscita a intesserne un perfetto elaborato affettivo. La nostra concezione del cuore, pur nella sua complessità, è resta con concetti semplici e chiari, tanto da rimanere come incantata. Il suo linguaggio, formato da espressioni di esclusivo fascino, sono segno di elevata conoscenza sintattica e di grande passione per la compilazione di qualsiasi tipo di testo. Giulia ci insegna che, nella nostra relazione col tempo, il cuore, continuando a palpitare e battere nel nostro petto, resterà sempre un muscolo-anima, vincolo assoluto di unione e condivisione.
  • Bruno Briasco il 04/10/2011 20:01
    Molto bella Giulia, complimenti davvero. Una riflessione a tu per tu...
  • Anonimo il 27/09/2011 16:54
    Ciao Giulia, amo il tuo cogliere le cose che molti danno per scontate e raccontarcele alla tua affascinante maniera
  • Anonimo il 27/09/2011 11:27
    bello giulia acara ma le ultime tre righe sono meravigliose... un grosso bacio carla
  • Anonimo il 27/09/2011 07:01
    Bella riflessione, condivisa. Ti aspetto con un bel racconto corposo... non fare la pigrona, scrivi. ciaociao
  • Anonimo il 27/09/2011 05:36
    Il cuore non si arrende mai, lotta fino alla fine, ma quando e se smette di pulsare è la fine di tutto, in ogni senso!