accedi   |   crea nuovo account

Quando bruciano i roghi virtuali ( la vita conta più dell'opera )

Si racconta che Platone, quando divenne discepolo di Socrate, abbia bruciato una tragedia che aveva appena scritto.
Kafka, in punto di morte aveva incaricato l'amico Max Brod di distruggere le sue opere inedite - quelle edite erano state pressoché ignorate -, fra le quali capolavori come "Il processo" e "Il castello" (incompiuto).
Credo che il gesto del grande scrittore che destina i propri libri al rogo non nasca mai da una valutazione letteraria, bensì da ragioni più profonde.
Platone distrugge la sua tragedia perché diventando discepolo di Socrate si consacra alla ricerca della Verità, così come vuole il suo maestro che proprio per questo detesta l'arte di Omero e dei lirici, ritenuti tutti dei fingitori e dei bugiardi.
Kafka invece ricercava il significato dell'esistenza con un accanimento tale che s'impediva di viverla liberamente e così, verso la fine della sua esistenza, stanco di essere ignorato e indifferente a tutti, tranne che al suo amico e mentore Max Brod, ha un'intuizione meravigliosa e scrive questo straordinario aforisma:
" Chi cerca non trova, chi non cerca viene trovato", e incarica l'amico Max Brod e la sua ultima compagna Dora di bruciare le sue opere inedite.
Dora lo farà, ovvio - le donne, in genere, si sa, amano più le poesie che la grande letteratura -, mentre Max Brod, stupenda figura di amico e mentore, unico che ha saputo riconoscere la grandezza di Kafka, si ribella al diktat dello scrittore e ci regala grandi capolavori. Tratterò un'altra volta la figura del mentore e la sua grandezza nel farsi da parte per riconoscere la grandezza altrui. Chi oggi, nei forum letterari Web è un vero Mentore o un Mecenate?
Zero assoluto, al cubo infinito.
Kafka, dicevo, brucia le sue opere perché capisce che LA VITA CONTA PIU' DELL'OPERA.

Passano gli anni, e anch'io, colpito da un'ingiunzione a rimuovere le immagini e i video delle mie innovative quanto ingegnose opere in formato Web, mi ritrovo nella stessa situazione dell'Autodafé, indotto da una società repressiva.
Un amico di mail mi chiede come riesco a sopportare la mia stessa autodistruzione creativa, indotta da un ambiente ostile e retrivo.
Lo confesso, scrivo meno bene di Kafka -usiamo due medium diversi, ma lui è imbattibile, raramente son modesto, ma le poche volte che lo sono lo son davvero almeno -, ma umanamente ho il suo stesso spessore.
Ebbene anch'io ho avuto la suprema Visione, grazie all'accanito studio del mio maestro Nietzsche, che la vita conta più dell'opera.
Vale a dire, semplicemente, che le mie rutilanti opere, rispetto alla mia vita, valgono MENO DELLA MIA STESSA MERDA.
Del resto, quando scriviamo, noi non riveliamo al lettore le cose come sono davvero, ma le parole, che sono sempre diverse dalle cose reali.
Sommo è il distacco dalle mie opere e questo lo potete vedere leggendole (le poche che non sono state epurate).
Noterete una noncuranza, della sublime leggerezza e capriccio dell'espressione, ambiguità e talora fiera, vitale arroganza.

12

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 17/01/2012 22:12
    Oscar wild dice: "Un opera è bella o brutta". Definizione che mi trova concorde fino a un certo punto perchè non considera chi la legge. Prima di considerare un'autore se posso leggo la sua autobiografia. In base alla quantità e la qualità di esperienze vissute, se la biografia è vera, posso capire quanto lui possa donarmi del tuo vissuto. In quanto a te Moscone, spero che nessun Ddt possa impoverire la tua capacità di competenza, retorica ed esperienza, e che tu possa continuare a istruirci come volgo o autori o pseudo autori, finchè ne proverai piacere e divertimento.

3 commenti:

  • Dino Borcas il 11/02/2012 22:51
    nessun commento femminile..., dipenderà dal fatto che loro sono finite al rogo veramente...?
  • Stefano Saccinto il 29/09/2011 17:35
    Molti si rigirano inquieti sotto le lenzuola della letteratura. Cercano e non trovano, poi trovano e immaginano l'uva acerba (forse lo è davvero) è così trovano che proseguire oltre è più importante che soffermarsi. La verità sta nel continuare a scrivere, anche se non essere letti è dura: è come ammazzarsi di seghe e non trovare mai una donna disposta a giacere con te. Hai voglia a fantasticare! Ne basta una sola però (come fu Max Brod) che si innamori per davvero. Amare/scrivere da quel momento in poi avrà avuto senso.
  • Anonimo il 27/09/2011 18:49
    Se ho ben capito, azzardo un'ipotesi: sei di sangue Zero (O), probabilmente negativo.
    Molto interessante questa disquisizione... io poi ho avuto grane su grane con i web master e quindi sono solidale con quello che dici.
    Interessante anche il discorso del Mentore.
    Per quanto riguarda l'asserzione che la vita vale più delle opere come non essere d'accordo: se l'hanno detto due grandi come kafka e Nietzsche, vuoi che nonvalga per noi? Io poi ho avuto una vita piena ed avventurosa e quello che ho scritto fa cagare se messo a confronto con i fatti realmente accaduti.
    Mi riprometto, appena ho tempo, di leggere le tue opere... ciaociao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0