PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sola

I miei denti sono come i cerchi degli alberi, segnano l'età, ma la mia è accelerata, buttata, sprecata... I miei denti sono vecchi e fanno a pugni con l'anima, con l'età "che dovrei avere". Ho vent'anni e, se ci penso, vomito da quando sono nata.
Ci si fa l'abitudine sapete? il piatto, il gioco di forchette,, poco cibo mal masticato con tanta, tanta acqua e poi... Scusatemi, tra poco torno, e tutti, tutti poi fan finta di crederci: si, io sto bene!
Il bagno, il water... tu e lui, la sfida muta, la decisione;perchè, che ci crediate o no, ogni volta è un terremoto dell'anima, una accusa, un sentirsi malati di fronte ad un water e ad una solitudine da non condividere "mi punisco o mi assolvo?"
Io mi punisco "in solitario" anche ora che i vent'anni son passati, quando i miei figli non sono in casa, quando gli occhi rossi e gonfi non vengono visti, quando calcolo il tempo per indossare la maschera"dell'unico genitore", imperfetta, sola, malata, che cade e si rialza.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 23/07/2013 19:09
    ... piacevole lettura
    complimenti...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0