accedi   |   crea nuovo account

Polvere di stelle

l mondo si fermò per trenta secondi. Troppo pochi per produrre cambiamenti significativi, pochi se ne accorsero. Un piccolo seme di geniale follia penetrò negli abitacoli delle automobili in fila. Aveva appena ventanni e un sobrio vestito da clown. Sbucò dal nulla, si mise davanti alle auto ferme in attesa del verde, in cima a un gradino bianco come le strisce pedonali. Si infilò un naso posticcio, rosso come il semaforo e si esibì scappellandosi in un profondo inchino, poi incassò la testa fra le spalle quasi volesse dire "È tutto ciò che posso offrirvi".
Fu lo spettacolo più veloce del mondo. Discese il gradino come un gatto, d'un balzo, saltellando fra un finestrino e l'altro. Tintinnarono poche monete in un cappello di stoffa senza forma. Era passata una cometa e qualcuno conserverà un po' di polvere di stelle dentro di sè.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Marco Uberti il 08/11/2011 21:14
    Grazie Giacomo
  • Anonimo il 08/11/2011 08:00
    Bello questo breve racconto... un flash che fa riflettere... mi era sfuggita questa perla... polvere di stelle negli occchi... ciaociao e bravo
  • Anonimo il 20/10/2011 22:02
    tanta fantasia marco... letto volentieri... ben scritto...
  • Marco Uberti il 08/10/2011 12:22
    Grazie Mauro per aver letto la mia istantanea, è tutto vero è stata una scena reale, forse solo le mie riflessioni sono il prodotto della mia fantasia... purtroppo.
  • Mauro Moscone il 08/10/2011 07:39
    Bello e veramente speciale questo short: oggi ci sarà una pioggia di meteore, le Draconidi.
    Pertanto la tua fantasia è attualità! Bravo, l'immaginazione al potere... abbi gioia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0