accedi   |   crea nuovo account

Dialogo tra il serpente e lo scorpione

Quanto veleno ci può essere nel mondo?
Troppo poco perchè guarisca, le loro vene sono gelide perchè ci possa scorrere veleno. Noi dunque non possiamo nulla?
è così. Di che colore è il loro sangue?
Saggio essere, di che colore potrebbe essere?
Nessuno... troppo poco sono stata in quel mondo, ma mi è bastato pe amarlo ed odiarlo a sufficienza... tu invece? LO odi, lo ami?
Capisco poco del mondo, so che posso pungere, avvelenare, mangiare, difendere e morire.
E come fai a sapere del colore del loro sangue, che non ha colore? Perchè le loro vene sono gelide, e dove non c'è Amore non c'è colore. E come hai conosciuto i colori? Ahime, pungendo le creature sbagliate... il bimbo?
Il bimbo è Fuoco. Bene, scioglierà le loro vene, il veleno tornerà. Buona notte. NOtte, saggio essere.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/06/2014 04:35
    apprezzato... complimenti.

1 commenti:

  • Mauro Moscone il 17/10/2011 12:46
    Un piccolo grande componimento, immaginifico e geniale.
    Due essere ancestrali a sangue freddo personificano dinamiche umane, antropoidi come l'indifferenza e la volontà di dominio e il nichilismo... frammendo godibilissimo bravo Antonio!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0