PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I dettami della morale

Accese la torcia e iniziò a rovistare tra i vari oggetti che riempivano il capannone dietro casa sua. Una bici con la ruota sgonfia, una sega, un tosaerba, un martello. No, non c'era. Uscì e salì in casa. Cucina, camera da letto, bagno, veranda, guardò dappertutto ma niente. Non era neanche lì.
Voglio essere felice, voglio riuscire ad avere una vita felice.
La voce dentro la sua testa lo spingeva alla ricerca e lui, come un tossicodipendente che non trova la siringa, obbediva ai suoi ordini. Era schiavo. Iniziò a rendersene conto quando si sedette all'ombra di una betulla. Aveva appena acceso la sua sigaretta quando iniziò a ragionare.
La felicità? Perché io dovrei mettermi a cercare la felicità? Perché devo sprecare le mie energie per soddisfare una presunta voce che comanda da diversi anni il mio corpo? La felicità è un'illusione, non esiste. Esistono solo dei momenti che ci fanno sentire felici, momenti in cui sentiamo ricambiati i nostri sentimenti, quando possiamo condividere le nostre emozioni, quando raggiungiamo gli scopi che ci siamo preposti, quando insomma si verificano le nostre attese. Puoi essere felice se segni una rete in una partita a calcio, se vinci l'Oscar, se riesci a divertirti con i tuoi amici, se uno spettatore ti fa i complimenti per una poesia. Per essere felice basta avere tanti sogni, basta fare un po' di fatica, e se ti dovessi accorgere che un tuo piano è fallito, potrai essere felice di poter impiegare più forze in un altro.
Spense la quarta sigaretta contro il palo della luce. Aveva dei sensi di colpa, fumare troppo fa male, ti verrà il cancro ai polmoni, ma Gianni era felice, probabilmente era la prima volta che sentiva una simile allegria. Era la prima volta che si liberava dai dettami della sua morale.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • vasily biserov il 01/11/2011 15:13
    Grazie x il commento. ci ho ragionato a lungo anch'io e sono arrivato alla conclusione che per noi è neccessario relazionarci con il mondo esterno per lavorare (oppure studiare), intrattenere relazioni, per chiedere aiuto e darne... credo quindi che la felicità dipende da un fattore interno, che sarebbe il bisogno di trovare un equilibrio e accontentarsi, ma anche da fattori esterni... non è come dici tu la continua felicità, ma il saper trarre impulsi positivi anche da ciò che è negativo...è un argomento difficile, sul circolo poetico ne abbiamo un po' discusso!!
  • Nunzio Campanelli il 31/10/2011 17:28
    Credo che la felicità vada ricercata dentro di noi, senza anteporre il bisogno di raggiungere degli obiettivi, altrimenti l'unica cosa che si riesce a ottenere sarà una continua infelicità, interrotta da saltuari attimi di esaltazione.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0