accedi   |   crea nuovo account

Trasteverino verace

Quant'è deprimente Roma... quanno uno soffre pe' amore e 'n più se deve sorbì sti tramonti colorati e ruffiani, sto ponentino che spira così languido che pe' conquistà na pischella nun devi nemmeno aprì bocca... è lei che te casca ai piedi! Funziona co' tutte... tranne che co' lei.
Ma sì, lei, l'amore mio, quella pe' cui potrei fa' pazzie!... Perchè io so' 'n tipo focoso sa'? Quanno me metto 'n testa 'na cosa... Me capite no? Pe' 'l momento 'n testa c'ho solo... 'n so manco come se chiama.
Come dite? Chi so' io? Nun ve l'ho detto? 'Nnanzi tutto so' romano, anzi, peggio, trasteverino, se non de sette generazioni almeno de tre o quattro e poi, ahimè, 'n innamorato sfigato. Da quanno l'ho vista pe' la prima volta... che ve devo di', nun so' stato più io.
Pure l'amici hanno notato che so' cambiato, prima ero l'allegrone della compagnia, mo' Romoletto dice che nun ne po' più de sentimme sempre sospirà e Nando che co' me nun se ride più, che c'ho sempre er muso. Te credo! Quella manco sa che esisto! È una dei quartieri arti, io 'nvece so' 'n vagabbondo... Mi' madre m'ha accannato ch'ero 'n pupo e mi' padre... me sa che nemmanco mamma sapeva chi era...
Ma mica me sto a lamentà eh? So' sempre stato felice, ho fatto quello che me pareva e ho conosciuto la vita mejo de quei rimbambiti dell'amici mia che 'n se moveno mai. Ce credereste che Romoletto nun è mai entrato nel Colosseo? Io 'nvece modestamente li monumenti me li so' fatti tutti, armeno quelli do' se po' annà senza pagà dazio.
Chiedete si lavoro? E che bisogno c'avrei? Uno come me 'n pezzo de pane lo trova senza lavorà. Er segreto è annà a bussà dai più sensibili. Po' capità che quarcuno te cacci 'n malo modo, ma de anime pietose ce n'è tante.
E poi li regazzini! Pe' me vanno pazzi, li faccio divertì... a loro nun je 'mporta che nun c'ho proprio un bell'aspetto. Sì, perchè io lo riconosco: so' uno de quei tipi... come di'... allergici all'acqua e sapone. Ao, ognuno c'ha le antipatie sue! Sì, sì, c'avete ragione, sto a divagà, mo ve racconto li fatti 'mportanti.
Allora, 'n giorno bighellonavo per Centro (me piace bazzicà quelle parti, che ne so, tra tutti quei signori me pare de diventà fine pur'io). Camminavo tutto spedito pe' Via Veneto, sapete, quella strada elegante, quanno... nun so manco come... me la so' trovata davanti.
'N sogno! du' occhi verdi scintillanti, er passo fiero ma allo stesso tempo morbido, e poi er portamento, 'na classe mai vista prima. L'avrei rimorchiata subito, senonchè lei stava co' la "mammina" e l'ho potuta solo seguì a distanza fino a Villa Borghese.
Nun c'ha manco fatto caso che je stavo dietro! Da allora ogni pomeriggio a 'st'ora sto qua: lei ce viene a passeggià e io spero sempre che 'na vorta o l'artra s’accorga de me.
Nun me so' mai avvicinato! ma oggi ho deciso... me dichiaro. Me so' pure dato 'na lavata pe' l'occasione! Mo appena ariva l'abbordo e je faccio tutto er repertorio der perfetto pomicione.
'Ntanto me nasconno dietro sta siepe, sbuco de scatto e vedrai che sorpresa. E lei chissà che farà, rimarrà a bocca spalancata, me lancerà 'no sguardo da sotto le ciglia, poi 'n soriso e a quer punto sarà mia, me seguirà perfino 'n capo ar monno! Oh, ma qua io sto a sognà e me distraggo e intanto, puntuale come sempre, ecco lei che m’appare in lontananza.

12

3
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Stefania Nardi il 20/05/2011 16:09
    Bravissima!!!!!! Un uso perfetto del romanesco!!!! Complimenti!!!
  • Rocco Burtone il 04/07/2009 14:05
    Secondo me tu sei come questo racconto: ironica e divertente. Brava brava
  • Mattia Spinelli il 11/06/2008 20:40
    Bellissima
  • Isaia Kwick il 19/08/2007 09:38
    Graziosa.
  • ian romanto il 15/03/2007 16:24
    ce ne fossero di piu in dialetto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0