PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Bolivia un viaggio sopra i tremila metri

Siamo arrivati in Bolivia con un viaggio da Puno, città del Perù la più importante sul lago Titicaca.
Il lago è enorme (8. 562 km²) diviso tra Perù e Bolivia. La parte boliviana occupa circa 3. 770 km² dell'intero lago. Il nostro viaggio è stato effettuato con mezzi misti, autobus e catamarano, siamo arrivati a La Paz approfittando di spettacolari vedute del lago Titicaca e pranzi a base di pesce del lago e visitando la Isla del Sol, nei luoghi mitici in cui apparvero i primi incas.
La Paz è una città davvero particolare ed unica, si divide in due città dove El Alto è sopra i 4000mt, e si scende a La Paz che è comunque alta 3630 mt. La Paz è situata a 700 metri circa più sotto dell'altopiano che la circonda. Nella parte bassa della città dove l'aria è meno rarefatta si trovano i quartieri più ricchi e turistici, nella parte alta della città, in cima al canyon e sull'altipiano, invece si trova il quartiere più povero e degradato.
IL panorama è incredibile perché le case, in genere piccole, ricoprono tutta la montagna e non essendo intonacate Il tutto sembra un enorme presepe. Abbiamo subito notato che a differenza del Perù, qui il popolo andino conserva del tutto l'abbigliamento tradizionale e le signore hanno lunghe trecce e larghe gonne variopinte.
La cosa straordinaria è la vicinanza con la Cordillera Real che è costituita da numerose montagne di cui molte superano i 6. 000 metri e alcune, l'Illampu e hanno imponenti ghiacciai che fanno da corona alla città ed accompagna il panorama di tutta la Bolivia ed attirano un turismo di scalatori.
Nelle vicinanze di La Paz vi è l'interessante sito di Tiahuanaco, la più famosa località archeologica preincaica della Bolivia, dove sono conservati reperti archeologici della civiltà di Tiahuanaco, di cui origini e tramonto restano avvolti nel mistero. L'imponente complesso architettonico comprende la mitica Porta del Sole, ruderi di templi e palazzi, e giganteschi monoliti scolpiti che raffiguarno volti.
In bolivia si mangia la quinoa che viene coltivata da oltre 5000 anni sugli altipiani pietrosi delle Ande a 4000 metri sul livello del mare ed è cibo essenziale per le popolazioni andine perché è un alimento particolarmente ricco di proprietà nutritive. Si mangia carne di lama, moltissime varietà di patate e si beve infuso di coca, come energetico e toccasana per problemi di altitudine.

Noi siamo poi andati a Sucre, che è considerata una tra le innumerevoli meraviglie del sud America. La città, si estende su di un vastissimo altopiano ad un altitudine di circa 2700mt, un vero riposo per dare tregua a faticosi giorni passati sopra i 3500mt. La città è tutta bianca ed uniforme con portoni esclusivamente in legno ed una ospitalità degli abitanti molto calorosa. Da Sucre con un viaggio di tre giorni ci siamo spostati a sud com meta Uyuni , passando per la località di Potosì che è una citta mineraria ( argento) in mezzo a montagne piene solamente di lama e vigogne, nonché di bellissimi cactus.
Perché Uyuni e questo lungo viaggio in un su e giu per strade sopra i 4000 mt? Perché la citta è il punto di ingresso al deserto di sale. Il villaggio di Colchani è localizzato sui bordi di questa enorme e particolare nonché unica distesa salina e la popolazione vive dell'estrazione del sale. Il deserto è simile ad un enorme ghiacciaio circondato dalla catena andina e sono presenti alcune conformazioni simili a colline che vengono chiamate isole. Fra queste è bellissima la Isla del Pescado, dove si può attraccare come se fosse una vera isola e visitare l'incredibile ricchezza dei cactus giganti, alcuni dei quali di 15 mt. Si dorme in Hotel fatti con blocchi di sale ed il freddo la notte è molto intenso.
Siamo poi tornati a Potosi e Sucre e con un viaggio in auto siamo rientrati a La Paz per ripartire verso l'Europa passando da Lima, carichi di queste meravigliose immagini, di maglioni di alpaca e tessuti lavorati a mano.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 26/12/2012 04:46
    bellissimo resoconto, complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 19/11/2011 11:35
    Molto bello Gianfranca... sicuramente porti di questo viaggio meravigliose immagini nel Tuo cuore... grazie di averle condivise con noi...
  • Ada Piras il 19/11/2011 10:46
    Bello e interessante.. piaciuto molto.. Brava.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -