PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mio viaggio... a destinazione

Il mio viaggio inizia in una calda notte d'estate,
grazie all'incontro intimo di un uomo e una donna,
credo, spinti dal vero amore o semplicemente dal desiderio
forte di amare... o forse per altro motivo?, no,
a questo non voglio neanche pensare...

Beh, intanto mi sono reso conto che il viaggio è lungo,
addirittura 9 mesi, o se volete, 40 settimane,
o se vi piace di più, 280 giorni.

Ecco, il mio viaggio... ma? dove sto andando?,
chi mi sta aspettando? ... e soprattutto, quelli che mi aspettano,
mi aspettano con gioia o con frustrazione?, o per dirla più chiara... sono benvenuto o già un peso, forse neanche desiderato? ... boh, a dire il vero non lo so, e neanche m'importa, io in ogni caso farò questo viaggio e ho intenzione di arrivare... a destinazione.

Si, voglio farlo tutto questo viaggio... e guai a chi vuole interromperlo! ... non vi azzardate neanche, avete capito?!! ... fatemi semplicemente viaggiare ed arrivare... a destinazione.

Quant'è bello sentirmi crescere... qui è tutto pieno di acqua, ma sto bene, sono tranquillo... il viaggio continua regolarmente. Oops... e questo, che cos'è? Un filo, una corda per giocare... no, meglio di no, non ci gioco, è una cosa molto più seria... tanto, arrivato a destinazione avrò ancora tanto tempo per giocare... almeno così dicono.

Ehi, ehi, oooooh!! ... e adesso che succede? Ma guarda... mi sono capovolto... solo colpa dell'acqua, hahaha... no, però così ancora non va bene... aspetta, eh, eh, aaahh... ecco fatto, adesso ci siamo... aahh... sì, così mi piace, proprio così voglio arrivare... a destinazione.

Bene, mi sa che ci vuole proprio un riposino... accipicchia pero, mi sento proprio stretto! ... ma, dico... quanti giorni durerà ancora questo viaggio? ... ma è proprio lungo, eh? ... adesso quasi quasi mi annoio... vediamo, forse è meglio che mi faccia sentire in qualche maniera... di là, do un colpo, vediamo se mi sente qualcuno... toc... e di qua pure, un altro colpo... toc... ma, secondo voi, mi hanno sentito? ... boh... ma sì, aspettiamo un altro pochino, provo a riposare un altro pò, ma poi fatemi uscire, ... ehi! avete capito? ... voglio proprio uscire! ... siamo al capolinea!!! ...

Oooohhhh... ehi, ehi, ehiiii... e adesso che c'è?!!! ... ma cosa fate? ... smettetela di agitarmi così, mi fate girare la parte più pesante del mio corpo... ehi!! fermi!!! ... sì, sì, ho capito!!! ... vabbè che siamo al capolinea, ma andiamoci con più calma... e quella voce?? ... ma chi è che grida così?? ... ma c'è bisogno di gridare così?? ... per favore, dategli un calmante! ... e dai che sto arrivando... eh uno, eh due, eh tre... ancora un pò, un altro po' ... eeehhhh! ... sbluff... ce l'ho fatta!!! ... sono arrivato! ... a destinazione.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 22/11/2011 08:01
    avvincente, pieno di sorprese e di soprassalti, il nostro primo viaggio! lo hai raccontato col cuore, si sente

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0