PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La sedia globale

Per ragioni strane abbiamo avuto il piacere di girare molto per il mondo e mi sono chiesta quali oggetti fossero i più globalizzati: sicuramente gli accendini e le biro BIC, ma le biro sono di tanti tipi e molti utilizzano ancora i fiammiferi.
La Coca Cola e i Mac Donald si trovano quasi ovunque, ma posso garantire che in Cambogia, quando siamo andati nel 2000, non c'erano fast food ed anche la Coca Cola era un ibrido locale.
Ho invece deciso che il primato vada alle cosiddette sedie di plastica impilabili, di tanti colori e lievemente diverse tra loro, sempre basate sull'idea originale, quelle le troverete ovunque: nella savana della Tanzania, in piccoli esercizi di artigiani in Mozambico, come sedie dei piccoli bar in sperduti paesini brasiliani, talvolta sono rotte e si trovano nelle spiagge sperdute del Cile o dell'isola di Pasqua. In effetti costano pochissimo, sono leggere, impilabili, colorabili, lavabili e robuste e in generale anche abbastanza comode.
Forse non tutti sanno che il papà di queste sedie è un designer chiamato Joe Colombo, che sperimenta la sedia in plastica Universale (Kartell 1965), impilabile, facile da pulire e leggera stampata a iniezione da un blocco unico di polipropilene.
Ha avuto una breve e brillante carriera (1930-1971) ed ha appunto prodotto, fra le altre, la famosa sedia di un solo blocco : la sedia Universale. Tra le altre caratteristiche è che è aggiustabile perchè le gambe possono essere sostituite con altre di altezza maggiore. Da una sua idea originale pare abbia lavorato per due anni per perfezionare l'oggetto e adattarlo ad una produzione di massa ed ebbe successo a partire da 1967.
La sedia è esposta nel Design Museum Londra , ma quale migliore rappresentazione se non la ripetizione in tutto il mondo di questa straordinaria sedia e di un nuovo modo globalizzato di riunirsi a per tutti ai diversi livelli economici.
Però è straordinario pensare che fra i tanti oggetti proprio quello sia diventato così popolare e diffuso. È bello, è poco costoso, è indistruttibile? Sono un insieme di tutte queste cose? Forse ha preso piede perché oltre a questo insieme di pregevoli doti risponde alla straordinaria finalità del trovarsi, al chiuso o all'aperto, così importante per tutte le comunità e che ancora permane viva anche nella ricca civiltà della televisione e della tecnologia.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Gianfranca Galliani il 05/08/2012 16:24
    grazie... neanche a dire che sono seduta nella sedia globale in un fresco giardino
  • augusta il 05/08/2012 16:01
    mi spiace per nessun commento.. ma meriti un plauso su ciò che hai descritto e ho riflettuto.. e pensato... e credo fermamente tu abbia ragione... se si sta attenti anche nei vari documentari quella sedia... appare quasi sempre in tutte le parti del mondo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0