PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

File eternity

Sono l'inizio e la fine, io sono tutto quello che vedo. Io decido per il mio mondo straordinario e bello, decido per me, paragonabile a un Dio...
Ora sono sospeso nell'aria scossa da una brezza immaginifica, c'è il vuoto sotto di me. Giù molto in basso, sotto un sottile strato di nuvole l'oceano crea

riflessi di arcobaleno. Come voglio posso decidere se cambiare colore.
Io sono tutto...
Faccio quel che devo fare e in men che non si dica l'acqua assume un colore più grigio. Le nubi che affastellavano il cielo sotto di me svaniscono come

se un gigante decide all'improvviso di ripulire i suoi errori. Anche il cielo diventa asettico e lentamente banchi di nubi scure appaiono sopra di me. I

fulmini iniziano a cantare.
Sono l'inizio e la fine... decido io la musica.
Pochi secondi bastano perchè le immense forze della natura inizino a fondersi. Un vento arriva da sud per scontrarsi con le correnti opposte. Si sente un

fischio nell'aria che cresce, inesorabile, mentre il mare ora è tempesta. Un onda si solleva come un macigno e spuma di potenza. Un altro fulmine seguito

dopo due istanti dal suo tuono, poi ne segue un altro, e di nuovo. Altre onde colossali prendono vita dal fischio delle potenti correnti, la quale si

scontrano come dèi per il dominio di un mondo. Lo spumare del mare, i gridi dei venti, i lampi dei tuoni, insieme:la più rilassante sinfonia mai

sentita. Io, sospeso nel mezzo di tutto, come un meditatore.
Io sono tutto quello che vedo. Lo voglio ancora più forte, lo voglio al massimo. E l'acqua non sembra più oceano ma una dimensione istabile dove

nessuno ha dato ordine. Sono in mezzo alle correnti, turbinanti. Ora formano un vortice largo chilometri, un panorama impossibile prende vita sotto di

me quando le acque si lasciano guidare dal vento. Turbinano a velocità indecifrabili senza più fermarsi. Agli estremi della tromba si erige un muro di

oceano, tutto intorno a me, così esteso che devo sforzarmi per comprendere i suoi confini lontani. Io non ho limiti però. Con un grido attivo una serie

1234567

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0