accedi   |   crea nuovo account

Le gatte

Nel crepuscolo freddo e malinconico di febbraio entro nel vicolo dove abita Susanna.
La mia fidanzata abita nell'ultima casetta di un vicolo cieco. A destra ci sono case decrepite e magazzini. A sinistra, oltre una rete di confine, c'è un orto dove si muovono alcuni gatti infreddoliti. In fondo al vicolo scorre un piccolo fiume.
Come le altre volte Susanna mi aspetta nell'ingresso e appena mi vede mi abbraccia. Poi attraversiamo la piccola cucina, dove stanno cenando i genitori, ed entriamo in una saletta dove passeremo insieme la serata. Ormai conosco a memoria tutti i particolari della stanza: la tappezzeria giallo oro, le tendine a fiori, il lampadario a gocce e la chitarra in un angolo.
Ci sediamo sul divano. Stasera la ragazza indossa un maglioncino rosso e una gonna blu, pieghettata. Le accarezzo i capelli mentre lei mi parla dei suoi problemi, della sua famiglia, dei suoi progetti.
Dopo cena i genitori salgono le scale per andare a dormire. Nella casa adesso è sceso un grande silenzio. Noi parliamo sottovoce e nelle pause si odono solo i nostri sospiri.
A un tratto, si ode un gatto miagolare là fuori e Susanna esce in cortile per pochi minuti, probabilmente per portargli del cibo.
Quando la pendola batte undici rintocchi è arrivato il momento di andare via. È una notte fredda e stellata e io mi incammino verso casa mia.
Venerdì al crepuscolo arrivo all'appuntamento con Susanna. Percorro il vicolo lungo e stretto, di terra battuta, in discesa. In questa grigia sera di febbraio c'è solo ombra e squallore. Rivedo le vecchie case come in un quadro statico, dipinto con colori smorti. Ma questa sera c'è una novità: una ragazza esile, con vestitino rosso, sta nell'orto. Mi volta le spalle e quando le sono vicino mi accorgo che è bellina, così le dico: "Buonasera."
La ragazza si volta di scatto e con un gridolino corre via. È scontrosa o selvatica.
Durante la serata Susanna mi dice che la ragazza nell'orto è la figlia dei vicini ed è la sua amica. Poi, mi suona qualche accordo con la chitarra. Nella penombra profumata della saletta c'è un'atmosfera intima, quasi di aspettativa.
La pendola batte le nove e sento i genitori salire le scale per andare a dormire. Allora faccio sedere Susanna sulle mie ginocchia e la abbraccio e la stringo, senza parlare. È una sensazione di morbidezza e di calore che ci isola e protegge dal mondo. I vetri della finestra sono tutti appannati e fuori c'è solo freddo e buio.
Improvvisamente dall'esterno proviene un miagolio lungo e insistente. Susanna smette di baciarmi, si divincola, tenta di liberarsi dal mio abbraccio. Poichè non ci riesce, imita il miagolio del gatto, due, tre volte.
Sbalordito la lascio libera e lei corre verso la porta mormorando in tono di scusa: "Devo andare... la mia amica mi sta chiamando..."
Un po' stordito, rimango da solo seduto sul divano, ad aspettarla.
Penso che le gatte e le femmine hanno molte cose in comune.

 

3
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0