accedi   |   crea nuovo account

Il partito della pasticca blù

Eh sempre che ti lamenti, e ti lamenti. Ma lo sai che non ti sopporto più. Non posso farci niente io faccio parte di te. E nella tua indole il lamento e l'ancorarsi alle abitudini più stupide che ti portano di nuovo a chiamarmi in causa. Veramente io cerco di agire, solo che, nello stesso luogo, a contatto con le stesse persone, visitando gli stessi posti ecco che, purtroppo salti fuori te! Hai visto, ma mi fai schiantar dal ridere, ti lamenti che ti lamenti! Oh pallino senti, il mio è un bipolarismo di quelli seri ma alle prossime elezioni, grazie a una nuova legge elettorale, ho intenzione di cambiare tipo di sistema di governo. CHe vuoi dire? Voglio dire che io, insieme a circa duecento complessi che sono dentro di me stiamo preparando una nuova legge. Ma come? E di che si tratta, e perchè non lo avete dibattuto nella sede del cuore in seduta plenaria? Mi pare una cosa inverosimile. Senti, intanto non so se sei informato ma io ho fondato un nuovo partito. Un nuovo partito? Ma all'interno del nostro cervello ce ne sono già centoottanta. E non lo vedi che caos? Siamo depressi, non riusciamo a muoverci, ognuno vocia per conto suo e tira al proprio interesse. E di che partito si tratta?

E un partito che si rifà alla tradizione popolare dittatoriale, da Sradolf, a Stanislao, a Sputin a Sberluschini. No, questa me la devi spiegare meglio, in un periodo così che non abbiamo neppure un soldo da spendere te ne vieni fuori con un nuovo partito. E le rappresentanze del fegato cosa dicono? Quelle le ho ammorbidite con del limoncello stravecchio, qualsiasi cosa decida, non ci sono problemi. Ma tu sei una cellula cancerogena! Ci vuoi mandare in rovina, addirittura ricorri alle droghe per soggiogare le rappresentanze più importanti del nostro organismo! E con i reni? Il limoncello stravecchio manda in tilt anche loro. Il rene di destra sarà ben rappresentato nel partito, quello di sinistra troveremo il modo di eliminarlo! E il partito come sichiama! "Forza Ugo" . Ma Ugo il tuo super io non ha più il controllo dell'es e dell'io sei in uno stato di assoluto delirio.
Si e ho deciso anche di farmi la testa stempiata e i baffettini neri e corti. Dittatore monarca che non sei altro. E con la crisi della patonza, che nell'ultimo peridodo non sei più riuscito a incontrare ne a scambiare due parole, dico due con una donna?

Infatti il nostro partito avrà come stemma una pasticca blu, e ne faremo grande uso. Ma a che scopo? Allo scopo della riconquista della patonza, e... dopo tanta astinenza è il momento di ritornare duri ed ef-fi-ca-ci! Ma cosa stai dicendo? La donna ha bisogno prima di essere corteggiata e poi, se le cose vanno per il verso giusto, e magari hai qualche problemino puoi ricorrere a questo tipo di usi, che tra l'altro sono pericolosi per il cuore lo sai. Domani fonderemo il nostro nuovo partito, tu oramai sei in minoranza! Non conti più niente! Lo vuoi capire?
"Signor Salvio, signor salvio.
L'uomo di ottantasette anni si agitava da qualche minuto e l'infermiera che controllava i valori del suo elettrocardiogramma applicato ventiquattro ore su ventiquattro, era un attimo preoccupata vista la sua agitazione.

"È cosi'" Continuò a farneticare in uno stato di veglia sonno, nel suo letto di ospedale "Torneremo al potere... torno a russare profondamente. L'infermiera gli dette un bacio sulla fronte pensando che questi politici ritirati nei pensionati erano proprio dei tipi bizzarri, avidi di potere fino all'ultimo. Lui ripese un sonno tranquillo, la pace dell'aldilà lo abbacinò prima in una luce bianca poi in un luogo di fuoco e fiamme. Il suo cuore si fermò e l'infermiera chiamò il medico di guardia, lo spettro rossonero con il forcone si rivolse a Salvio e gli disse "Qui comando io, tu non mi freghi!"

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 20/12/2011 21:29
    bravo raf... come dice giacomo ironica... sei forte in questi racconti... complimenti non è facile...
    auguri caro raf buon natale
  • Anonimo il 20/12/2011 15:08
    Eh già, c'è della bella ironia... e come tutte le satire la verità è li evidente, anche se caricaturata... ma si può dire poi? boh... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0