username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Achille, amore e morte

Nella mitologia greca è centrale la figura di Achille, del quale tutti ricordano la famosa ira contro Agamennone e la vendetta su Ettore, che gli aveva ucciso l'amico Patroclo, ma anche il nobile comportamento tenuto con il vecchio Priamo quando gli aveva restituito il corpo del figlio. Secondo la versione più nota, l'eroe sarebbe morto per una freccia di Paride che lo avrebbe colpito al tallone, unica parte vulnerabile del suo corpo. Altri autori ci parlano del suo amore per Polissena, la più giovane figlia di Priamo, che sarebbe stata sacrificata sulla sua tomba alla fine del conflitto. La tradizione tardolatina e medievale, l'unica nota a Dante, fonde i due argomenti e spingerà il divino poeta a mettere Achille accanto a Paolo e Francesca nel girone dei lussuriosi ("e vidi il grande Achille che con Amore al fine combatteo").
Questo testo, con la bibliografia allegata, può liberamente e proficuamente essere impiegato per fini didattici in tutte le classi che si occupano di epica classica e medievale.

Era una notte di buio pesto, appena rischiarata dalle stelle e dalle luci sugli spalti di Troia. Achille disse ai soldati di guardia alla sua tenda che, profittando della tregua, andava ad esplorare la zona avanti al tempio di Apollo Timbreo, appena fuori della città, venerato comunemente da Greci e Troiani e rimasto indenne da tutte le operazioni di guerra. La risposta fu un imbarazzato silenzio, ma Achille aveva fretta e non ci badò più di tanto.
Mentre correva verso il tempio, pensava alla bellissima Polissena, la figlia di Priamo, che aveva vista per la prima volta quando era venuta con il padre a riscattare il corpo di Ettore. "Avrei dovuto accettare allora la proposta di Priamo, di prendermela come schiava ", disse a mezza bocca come aveva fatto tanto spesso in quei giorni. Ma aveva preferito il gesto generoso di non chiedere altro, per il riscatto, che le vesti preziose offertegli dal vecchio re, rinviando ad altra occasione la questione del suo matrimonio con la bella principessa, la più giovane delle tante figlie di Priamo. Intanto era passato un anno e, superato il momento più difficile, Priamo aveva nei segreti contatti con lui chiesto che egli convincesse i Greci ad andarsene o che almeno li abbandonasse tornandosene in patria. "Certo", pensò con una punta di astio, "Menelao ci tiene tutti impegnati con questa guerra interminabile perché non vuole rinuciare! ad Elena; e a me si dovrebbe impedire di far mia la donna che amo?". Per fortuna, quando già i suoi compagni cominciavano ad insospettirsi per quegli andirivieni di messaggeri, spazientito anche lui contro Priamo che pareva aver dimenticato la sua promessa, egli era riuscito a catturare e far crudelmente sgozzare due altri suoi figli, Licaone e il bellissimo Troilo. Priamo aveva certo capito, e si era affrettato a convocarlo al tempio di Apollo per consegnargli Polissena.
***
Aiace, Diomede e Ulisse erano già da qualche minuto all'esterno del tempio: i soldati di Achille li avevano avvertiti subito di quelle strane parole e di quella precipitosa uscita notturna. Il sospetto di tradimento prendeva drammaticamente corpo e il comportamento di Achille lo avvalorava: essi erano accorsi per tentare di fermarlo, e per avvertirlo che anche i suoi soldati ormai meditavano di rivoltarsi contro di lui. Ma dov'era Achille?

12

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: