accedi   |   crea nuovo account

La Zingara

Ci sono giorni in cui il vento soffia forte e le chiome degli alberi si piagano alle volontà dell'aria. Tutto si muove. Le nuvole corrono veloci e lasciano un enorme spazio al blu. La brezza spoglia il cielo con alitate vigorose. Nella notte la volta è limpida e si vedono tutte le stelle, una ad una.

È in quelle notti che lei siede sola sul terrazzo e tirando boccate profonde consuma sigarette e pensieri, avvolta in una coperta intrisa di certezze. Guarda su, scruta ogni luce del firmamento mentre l'aria le accarezza la pelle scoperta. Brividi salgono per le braccia e lungo la schiena. Sono come piccole scosse quei tremori che le percorrono il corpo. Scosse di vita.

L'immensità del buio e delle sue piccole luci, i fremiti e i pensieri le fanno venire voglia di partire. Seguire il vento con una valigia e un sorriso, fino a dove profumi e colori attrarranno i suoi occhi. Fino a un luogo distante da lì, dove in una giornata di vento potrà vedere minuziosamente le luci della notte, avvolta dal suo mantello di lana e sicurezze. Fino al punto di vedere le costellazioni da altre angolazioni, tanto sarà lontano quel lontano. E capire che quel vento, quella notte e quel posto sono ormai da salutare, per seguire nuovamente l'aria. Lasciarsi trasportare dolcemente.

Ognuno su questa terra ha obbiettivi e desideri che si impegna a raggiungere. Lei no. Lei vuole solo vedere il manto stellato da ogni sua possibile prospettiva, e siccome non sa come fare, segue l'aria. Con lei spazza via le radici piantate, un cenno di saluto con la mano e un mondo di ricordi nel cammino.

La Zigana dei Gemelli sorride alla vita di giorno e viaggia silenziosa nella notte.

 

4
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • greta il 02/01/2012 17:52
    Grazie Giacomo ) per il complimento e l'augurio di benvenuto!!!
  • Anonimo il 31/12/2011 17:31
    bella questa zingara del firmamento...è una che si spiega bene e sa anche scrivere con una bella mano. sarà mica greta?... ahahah... ciaociao, benvenuta fra gli scrittori... c'è bisogno di allargare il numero dei patiti della prosa.
  • greta il 31/12/2011 14:37
  • gina il 31/12/2011 08:27
    Viaggi solitari nel proprio cuore...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0