accedi   |   crea nuovo account

Edizione straordinaria

Edizione Straordinaria... EDIZIONE STRAORDINARIA
del Gazzettino Genovese, compratelo
Gridava lo strillone dal cancello del Porto
Tragedia d'amore, stanotte nella Cantina delle Cento Candele... leggete la cronaca... Camalli...
Attilio gridava vendetta con una mano illuminata dai riflessi della lama di un coltello, fra bicchieri di pessimo vino rovesciati sulle tavole con due dita di sporcizia e cocci di bottiglie
La gran voglia di fare a pezzi Gavino, faceva luce da schiarire la penombra della Cantina.
Gli aveva rubato Dolores, quel bastardo.
Sì che era una bagascia, ma si era affezionato e poi, in Porto era diventato uno zimbello, il bulicio calabraghe. E a pensarci, gli giravano i cosìdetti.
Schiumando rabbia e masticando bestemmie, gli venivano in mente tutti quegl'anni passati a filarsi quella bella donna, erano da buttare con la spazzatura di Scarpino.
Forse quei ricordi, che aveva messo sulla punta del coltello
Forse la fretta di far presto, per poter tornare sul marciapiede e tenersela tra le braccia
Forse, ma quel figlio di un cane aveva dalla sua il Diavolo ed ora, era inginocchiato quasi pregasse.
Ammucchiato in un angolo, con Gesù Cristo che lo guardava e la gente del Porto che piangeva.
Non forse, ma era finita per davvero.
Così, con una lama di coltello nello stomaco e tanta voglia di vedere ancora i suoi capelli neri.

Sì, hai scritto bene, io c'ero, ed è andata proprio così...

 

7
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/01/2012 22:15
    bastano davvero poche parole per vedere un film... hai una capacità straordinaria, far vivere il lettore "dentro" le tue immagini, le tue emozioni... sentire l'odore del vino rovesciato e vedere quella lama... i capelli neri_________________
    GRANDE!

5 commenti:

  • ignazio de michele il 03/01/2012 20:43
    grazie, Signora
  • Anonimo il 01/01/2012 19:18
    Sei ganzo, ignazio... potresti tenere un corso di poesia e scrittura in lingua zenese... ciaociao
  • ignazio de michele il 01/01/2012 18:58
    EDISSIONE STRAORDENAIA
    du Gasettìno Genovese
    accatèelu
    crìiava u strilùn dò cansèlu du Portu
    tragedia d'amore, stanotte in ta Cantìnna de Sèntu Candèie... lesèeve cùme l'è anèeta... camàlli du belin
    U Tilio crìiava cù na màn allungentàa da lama d'èn coutèlu, fra gotti de cancarùn sversèe in scè tòue cun due dìe de rumenta e bouttìgge rùtte
    A cuèe de fa a tocchi u Gavino, faava lùge da sgiancàa u scùu da Cantìnna.
    Gheiva jattòu a sèu Dolores, quèlu bastardu.
    L'èa scì na bagascia, ma sèa affessiunòu e dapèu in tu Portu l'èa diventòu in bulìcciu carabràghe. E, a pensàaghe, ghe giiavàn è cùgge.
    Scciumàndu ràggia e mastegàndu giastèmme, ghe vegnìva in coèu quanti anni pe stàa derèe a quèlu sciancùn de figa, èan da cacciàa in scià spassatùa de Scarpìn.
    Fòscia ricordi, ch'èiva mìssu in scià punta dou coutèlu.
    Fòscia a premùua de fa fìitu pe sercàala ancùn in sciù marsapèe e tegnìila in te bràssa
    Fòscia, ma quèlu fìggiu d'en càn u l'àiva u Diàu da sèu e òua l'èa ensenuggiòu e pàiva pregasse. Ammuggiòu in te càntu cou Segnù che l'ammiàva e a gente du Portu che ciansèiva.
    Nu fòscia, ma peddavvèi l'èa finìa.
    Cuscì, cu na lama de coutèlu in tu stòmegu e tanta cuèe de vèdde ancùn navvòta i sèu cavèlli nèigri.
    Scìe, t'èi scrittu ben, mi gh'èu e lè anèeta propriu coùscì...
  • ignazio de michele il 01/01/2012 18:57
    certamente, fammi sapere
  • Anonimo il 01/01/2012 13:41
    Molto ben scritto... e per chi conosce un po' la vita del porto, e dei camalli, un brano che potrebbe benissimo essere tratto da un fatto reale... mi hai saputo trasportare dentro la storia... bravissimo, shap... a proposito, sarebbe bello leggerla in dialetto genovese... ciaociao
    P. S. sto scrivendo un racconto nel quale c'è una frase in genovese... magari me la puoi scrivere tu... eheheh...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0