PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cari figli

Ieri ho fatto l'elemosina e sono stato pagato così: un messaggio da parte della Vergine, le cui apparizioni sono, avvengono, nella ex Iugoslavia.
Cari figli vedo nei vostri cuori il dolore e la sofferenza insieme alla ricerca della felicità. Aprite voi stessi al Padre: questo è il cammino della felicità.
Aprirsi al Padre... cosa significa? È da ieri che mi vado interrogando e per metodo ho deciso di esplicare in tutte le possibili maniere questa affermazione.
Ma già alla radio c'è chi sta facendo lo stesso: vado e ascolto...
Là in radio ho afferrato che la sofferenza viene perché l'uomo si attacca a cose effimere: tutto passa. Così dice il sacerdote che commenta.
Ma la mia intenzione è di capire la via. La Via-Verità-Vita è Gesù Cristo. Lui stesso lo afferma. Via al Padre.
Immagine visibile del Dio invisibile.
Mediterò il Rosario come metodo di assimilazione del mistero di Cristo: niente di nuovo. È un comandamento antico.

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 03/01/2012 10:02
    una riflessione difficile da commentare per un mio problema "razionale" ad accettare l'intangibile (l'invisibile). Ma leggo nelle sue righe una fede forte, questa si! è tangibile e visibile, che un po' le invidio. E questo commento quindi ha solo l'intenzione di sottolineare e lodare il suo coraggio nell'esporre concetti anacronistici per la realtà attuale che denotano la forza inviolabile del suo spirito. Pur essendo io ateo le auguro vivamente che questa non le venga mai a mancare.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0