PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il sei gennaio dell'anno

Siamo nel paese di "Litigiosa" un borgo vicino alle montagne.
Ci vivono un centinaio di abitanti. Il clima tra le persone è sempre cupo e minaccioso e ha contagiato anche il sole che non ha il coraggio di fare capolino dalle nuvole grigie.
La Befana del luogo si sta preparando a portare i giochi ma anche molto carbone per punire i bimbi che tutti i giorni si scontrano nelle aule delle scuole.
Il destino ha voluto che il primo gennaio del nuovo anno la Vecchia Signora prendesse l'influenza. Costretta a rimanere sotto le coperte al caldo,
si sta lamentando con la sua assistente:
-Ho ritardato gli acquisti e con la febbre non posso scendere in città a procurare i doni che i bambini mi hanno chiesto. E non potrò nemmeno andare a consegnarli...
-Hai ragione- le risponde la Vicebefana - ma io non ti posso proprio aiutare. Mi sono slogata una caviglia e veramente ero io a contare sul tuo aiuto. Pensandoci bene... conosco una bambina che può darci una mano. È l'unica persona che mi ha trattato con gentilezza in questo posto. Ora le telefono.
Gioia ha otto anni e vive con la mamma in una casupola vicino al fiume. Alla richiesta della Vicebefana risponde entusiasta:
- Non è necessario andare a comprare i giochi elettronici. La mia mamma sa confezionare bambole e piccoli animali con stoffa, ago e filo e tanto amore. Sarà una novità per chi non li ha mai visti!
- Di sicuro i bambini protesteranno e non mi vorranno più bene - confida la Befana alla sua assistente e tossendo torna a letto a bere il suo latte caldo.
È troppo pensierosa per accorgersi del sorriso malizioso della sua assistente.
La sera del cinque gennaio la bambina raccoglie i pupazzi che la mamma ha confezionato in pochi giorni e li mette nella gerla. Indossa gli scarponi per camminare nella neve e raggiungere tutte le case del paese.
La Vicebefana le ha confidato il segreto per non farsi scoprire e così lei di notte in silenzio entra nelle cucine e riempie le calze appese sopra il camino.
Alle due, finite le consegne, rientra a casa soddisfatta.
Al mattino dell'Epifania i bambini accorrono per aprire i regali.
Dalle loro calze fanno capolino piccole bambole, orsacchiotti, soldatini con le divise colorate dai bottoni dorati: piccoli giocattoli di pezza. Non certo i giocattoli elettronici che hanno richiesto.
La loro reazione conferma le preoccupazioni della Befana.
Quando scoprono le sgradite sorprese, i bambini si mettono ad urlare e strepitare contro i genitori sbalorditi. Strappano le calze dal camino e le gettano a terra con violenza.
I pupazzi di stoffa colorata calpestati sembrano guardarli con gli occhi tristi.
In una misera casa una piccolina, intenerita dallo sguardo della sua bambola, gettata dal fratello, con le lacrime che cadono sul viso la prende tra le braccia e la stringe al cuore consolandola e baciandola come se fosse una neonata abbandonata dalla madre.

12

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 04/01/2012 10:20
    un bel racconto nella sua semplicità, a tratti commovente, ha la fisionomia di un sogno. Una bella lettura

1 commenti: