PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Escamotage

Finita!
Era finita!
Potevo finalmente fissarmi la mano che tremava riflessa nel vetro appannato. Potevo, finalmente, aspettare una notte non troncata da quell'occhio glauco e liquido, dall'affanno scivoloso di quell'ansimare senza ritmo. Il mostro non era più libero di annegarmi l'esistenza con la sua viscida parvenza attraverso quel vetro. Riflesso pallido e assillante di cose che non potevo e non sarei mai potuto essere.
Potevo finalmente fissarmi la mano... immobile... riflessa dal vetro appannato di uno specchio!

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0