PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il venditore di destini (2)

Era una bellissima giornata di inizio estate. Il vento aveva ripulito l'atmosfera, che si mostrava di una limpidezza assoluta. La temperatura gradevole ed il soffio incostante dell'aria sulla pelle avrebbero predisposto chiunque all'ottimismo. Io, invece, camminavo a fianco del mio salvatore oppresso da un'indicibile angoscia. Non riuscivo a pensare e neppure lo volevo. Mi sforzavo di seguire il filo dei suoi discorsi, grato per la distrazione che mi offriva.
Non aveva fatto obiezioni alla mia richiesta. L'aveva accettata, anzi, con divertimento, quasi con entusiasmo, come se gli fosse capitata una fortuna inattesa. Mi parlava del vento, di come proprio quel tipo di vento fosse tipico di Palnoc, tanto da dare una certa fama alla piccola cittadina. Era noto dappertutto come il vento-a- filo di Palnoc, perché dava alle poche nuvole che lasciava nel cielo la forma di lunghi filamenti.
Usciti dalla stazione, avevamo attraversato una grande piazza tonda, con una enorme aiuola nel mezzo. Tranne qualche taxi in attesa di clienti, non c'erano macchine. Evidentemente la stazione era proprio a ridosso del centro, all'interno della zona pedonale. Nella via che avevamo imboccato c'era una grande quantità di botteghe differenti, dalle quali la gente usciva ed entrava per fare gli acquisti. Passammo davanti a panetterie, sartorie, negozi di alimentari, tutti con grandi vetrine in cui si poteva agevolmente vedere ciò che si faceva all'interno. Più avanti trovammo un fabbro, poi la bottega di un rigattiere a fianco del quale lavorava un ciabattino. Un falegname aveva un'area di esposizione in cui si potevano ammirare le sue creazioni. Uno schermo di dimensioni notevoli permetteva di seguire i lavori dentro l'officina.
Avremmo potuto essere in una qualsiasi via del centro di qualsivoglia città. Nulla di quello che vedevo mi appariva strano, o fuori luogo. Non fosse stato per quei nomi così bizzarri avrei potuto pensare di essere semplicemente sceso alla fermata sbagliata. Eppure c'era lo stesso qualcosa che non andava. Non avrei saputo dire cosa, ma il senso di estraneità che ne ricavavo era totale. La cosa mi dava una continua vertigine. Più cercavo di analizzare le cose, più queste diventavano sfuggenti e si confondevano. Quelle scene così quotidiane, così normali erano per me più inquietanti di un mondo alieno popolato di bizzarri esseri iridescenti. Nello stesso tempo non riuscivo a mettere a fuoco i ricordi per poterli confrontare con il presente.
Ad un certo punto Talnòc, così si chiamava il mio nuovo amico, si fermò a salutare un conoscente. Mi presentò a lui, dicendogli semplicemente che c'eravamo conosciuti in treno. Gli strinsi la mano dicendo
"Piacere, sono Giuliano... Bellini"
Il tizio guardò sorpreso Talnòc, poi fece un risolino complice e gli disse, battendogli la mano su una spalla
"Accidenti! Un NomeDoppio! Avrai da stare con gli occhi aperti, caro mio!"
L'altro si era limitato a fare un vago gesto prima di riprendere il cammino con me.
Quando fummo soli si sentì in dovere di spiegare
"Qui da noi è raro trovare un NomeDoppio e quei pochi che ci sono non hanno una buona fama"

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0