PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un regalo speciale

Mia figlia Giulia adora moltissimo disegnare. Ogni giorno, tornando da scuola, mi mostra con orgoglio tutti i disegni che ha fatto, quale nuovo soggetto ha colorato, quante volte è uscita fuori dai margini che contornano la figura, quali colori ha usato e nel farlo i suoi occhi si illuminano sprigionando una gioia incontenibile.
Oggi è un giorno speciale: compie 6 anni. Scegliere il suo regalo è stato un po' difficile. Non le manca nulla e non è neanche pretenziosa. Le piace tutto ciò che si può fare con le mani: braccialetti e collanine con le perline, pupazzetti in stoffa decorati con paillettes e vecchi bottoni, vestiti di varie fogge e colori per le figure intarsiate in legno che per hobby le fa il suo papà.
Alessandro ed io abbiamo deciso di farle una sorpresa, un regalo un po' insolito, diverso dal classico giocattolo.
Decido di andarla a prendere a scuola all'ora di pranzo, in anticipo sul suo normale orario scolastico. Di solito è la nonna che va a prenderla all'uscita, così quando oggi mi vede mi salta addosso dalla felicità, tanto più che la sera prima ha dormito dai nonni. Lascio a lei a scelta del posto in cui pranzare e lei opta per il Burger King. Rientrati a casa rimane stupita del fatto che il papà sia lì ad aspettarla, invece di essere al lavoro come di consueto.
Sta per entrare nella sua camera e si accorge che la porta è incartata come un pacco regalo, con tanto di fiocco rosso! Dopo aver febbrilmente strappato tutta la carta, entra nella stanza e rimane a bocca spalancata, senza fiato. Le pareti sono completamente bianche, i mobili sono spariti e in un angolo c'è tutta una serie di secchielli con tinte di diversi colori, pennelli, spugne, scatole di pennarelli, pastelli a cera, matite colorate, acquarelli e tutto l'occorrente per cambiarsi. Il pavimento è stato ricoperto con dei cartoni. Giulia ci guarda incredula. Poi improvvisamente ritrova la voce, come risvegliata da un sogno.
"Mamma, posso fare quello che voglio?" mi chiede mentre sposta lo sguardo da me al padre.
"Si, è il tuo regalo da parte nostra" le risponde il papà.
In quel momento vedo la gioia di Giulia esplodere in urla, salti e abbracci che accelerano ancora di più i battiti del mio cuore. Corre subito a chiamare la sua amica Elisa che in men che non si dica è a casa nostra insieme a sua sorella, di due anni più grande.
Si chiudono in camera per tutto il pomeriggio senza mai uscire, ad eccezione della pausa per la merenda. Ancora non ci fa entrare ma ci dice che sta realizzando la sua piccola opera d'arte. Ce la mostrerà non appena l'avrà terminata e ci annuncia, inoltre, che è lì che vuole fare la sua festicciola di compleanno. Questa sera, dopo molto che non lo facevamo, dormiamo tutti e tre nel lettone. L'eccitazione e la felicità sono davvero troppe da contenere per non volerle condividere.
Alessandro mi guarda e sussurra per non svegliarla:
"Solo tu potevi avere un'idea simile. Non sei del tutto normale ma in fondo è per questo che ti ho sposata!"

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Ivano Boceda il 07/03/2012 15:35
    Racconto di famiglia in un interno, ovvero piccoli accorgimenti per la felicità. Una scrittura piacevole, che scorre senza intoppi. Forse un po' troppo giocato sula dolcezza e i buoni sentimenti, ma comunque godibilissimo. Nell'equilibrio del racconto mi sembra che ci sia poco spazio al vissuto e alle emozioni della bambina, che è raccontata solo dalla sua mamma. Ovvero la mamma "scrittrice" dovrebbe prendere qualche distanza dalla mamma "personaggio". Ma è solo un'inezia. Brava.
  • Bianca Moretti il 05/02/2012 19:14
    John, non mi sono scordata di te. Apprezzo che tu continui a leggere i miei scritti e ti ringrazio. Come va la neve dalle tue parti? Ancora bloccato? Un saluto
  • Bianca Moretti il 05/02/2012 19:12
    Grazie Fernando e Massimo. Sono contenta che la storiella vi sia piaciuta. Buona domenica
  • Massimo Bianco il 05/02/2012 18:01
    Una bella trovata e una storia assai carina. Apprezzato.
  • Fernando Piazza il 05/02/2012 15:22
    Un regalo davvero speciale. Grande fantasia. Non c'è cosa più bella che leggere la felicità negli occhi di un bambino. Tutti i bimbi meriterebbero un regalo speciale, anche semplici ma sinceri e fatti col cuore. Letto con molto piacere.
  • John Barleycorn il 04/02/2012 14:05
    Bel racconto, i bambini felici sono fantastici, ci vuole fantasia
    Non basta andare a comprare il giocattolo, anzi... brava
  • Bianca Moretti il 02/02/2012 21:13
    Carla, sono contenta che ti sia piaciuto... grazie del commento e un super abbraccio.
  • Anonimo il 02/02/2012 20:41
    bianca nel tuo cuore sei una mamma speciale... bellissimo racconto un bacio grande...
  • mauri huis il 02/02/2012 17:11
    Accidenti, ma allora sei ancora più forte. Devo dire che mi sembrava un po' strano che la piccola non si fosse spaventata dell'enormità del lavoro, ma non volevo rovinarti la festa. Comunque un bel racconto e una bella idea: farò così coi miei, la prox volta. Comunque bravissima
  • Bianca Moretti il 02/02/2012 16:57
    Gianni e Mauri, non è un racconto autobiografico ma è ciò che avrei fatto se avessi avuto una figlia... È bello sognare, no? Grazie ad entrambi per il gradimento
  • mauri huis il 02/02/2012 16:14
    Veramente un'idea speciale. E un racconto bellissimo. Siete tutti molto fortunati!
  • Gianni Spadavecchia il 02/02/2012 15:21
    Bellissimo regalo.. Spettacolare! Sei davvero originale, hai un'artista come figlia A presto!
  • Bianca Moretti il 02/02/2012 09:26
    Giacomo, in attesa della pubblicazione del racconto horror, che tarda ancora ad essere pubblicato, ho pensato di buttare giù una robetta dolce, nel tentativo di addolcirli magari un po' e farli decidere
    Grazie per la lettura, superveloce, e per la preferenza.
  • Anonimo il 02/02/2012 07:11
    Molto bello, originale... un racconto assai dolce; mi è piaciuto molto. Brava Biamca... tra i preferiti. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0