accedi   |   crea nuovo account

Il venditore di destini (3)

C'era un uomo che avanzava lentamente, seguito dallo sguardo di tutti i presenti. Era avvolto in un leggero mantello di seta, che scendeva in morbidi drappeggi sopra una tunica di lino. Non era particolarmente alto, ma una lunga barba ed un complicato copricapo turrito gli davano un portamento imponente. Era seguito, ad una certa distanza, da due assistenti che portavano voluminosi fagotti. Man mano che avanzava la folla si accodava, formando un variopinto corteo.
Erano ormai diversi giorni che mi trovavo in quel mondo estraneo, in cui mi muovevo solo grazie all'amorevole guida di Talnòc. Con i suoi modi gentili egli riusciva a rendere meno dura la mia situazione. Era discreto ed autorevole allo stesso tempo, indirizzandomi nelle mie attività quotidiane senza darlo troppo a vedere.
Nelle prime ore dopo il mio arrivo a Palnoc avevo perso a poco a poco la memoria del mio passato. Tutto era svanito dalla mia mente senza che riuscissi a trattenere nemmeno un brandello di ricordo. Mi ero ritrovato senza un'identità, in un mondo che non conoscevo. Solo la sua presenza riusciva a darmi un po' di calore. Non so cosa avrei fatto senza di lui. La sua presenza mi consentiva di sopravvivere, rimandando ad un domani indefinito le domande che tenevo chiuse dentro la mia testa.
Poi, con il passare dei giorni, la nozione del passato aveva cominciato a riaffiorare, grazie anche alle domande calibrate del mio amico. Ora ero di nuovo in grado di riconoscere con chiarezza gli avvenimenti della mia vita precedente. Sapevo di Torino, della mia famiglia, del lavoro che mi portava in giro per l'Italia.
Lo sapevo, ma non ne avevo il ricordo.
Perché quelle nozioni non erano accompagnate da alcuna emozione, non mi suscitavano alcun sentimento. Avevano in me lo stesso impatto delle cose studiate a scuola, come se non le avessi vissute di persona. Il fatto, che pur mi era ormai chiaro, di avere una moglie e dei figli ad aspettarmi, mi appariva come una pura informazione. Per me, in quel momento, era come sapere che i crociati avevano conquistato Gerusalemme nel 1099, durante la prima crociata. Non un ricordo personale ma una semplice nozione, amputata della sensazione di fatica che ti entra nelle membra, del sapore aspro della polvere mista a sangue, del dolore vivo delle ferite o del senso esaltante della vittoria conquistata a caro prezzo. Senza la capacità di far rivivere il riverente smarrimento che aveva preso quei rudi guerrieri quando finalmente avevano potuto accostarsi ai luoghi della Passione.
Nessun sentimento si agitava in me al pensiero di ciò che ero stato fino a pochi giorni prima. La mia vita precedente era solo una serie di anonime note nel libro della storia.
Ero diventato freddo al mio passato, ma non incapace di sentimento. Di questo ero sicuro, Provavo per Talnòc un senso di sincera amicizia, per esempio.
Con lui ero tornato in centro e lui aveva insistito perché ci sedessimo ai tavoli di un bar sulla piazza del mercato. Quando era comparso l'uomo con il mantello mi stava chiedendo del mio lavoro.
"Sono consulente di logistica per la grande distribuzione" gli avevo risposto.
Aveva aggrottato le sopracciglia.

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giovanni Barletta il 05/02/2012 17:53
    Hai, Massimo! tu metti il dito nella piaga: è vero che i tempi del web sono quelli che dici, ma si scontrano con un paio di ostacoli miei. Uno è il tempo che posso dedicare al piacere di scrivere, che spesso non mi permette di fare le cose nei tempi giusti; il secondo è ancora più vile: sto pubblicando i pezzi man mano che li scrivo!
    Riguardo alla tua perplessità è evidente che non sono riuscito ad esprimere bene la situazione. Il protagonista ora ricorda perfettamente la sua vita precedente ma in maniera asettica, senza il contorno di emozioni che ne fanno un vero "ricordo".
  • Massimo Bianco il 05/02/2012 17:09
    Dopo una seconda puntata che nulla aggiunge alla prima, una puntata di raccordo, potremmo definirla, in questa terza puntata ecco arrivare la novità che invoglia a continuare per sapere cosa ne sarà del protagonista e cosa gli è accaduto. Il web richiede però a mio parere che la soluzione finale non tardi troppo ad arrivare. Una perplessità: ma se il protagonista non ricorda il proprio passato e il suo nuovo amico non sapeva ancora che lavoro facesse (visto che glielo ha chiesto ora) come fa allora il torinese a sapere che prima lavorava in un supermercato?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0