accedi   |   crea nuovo account

Il Prof. Mantra

Vorrei continuare con la mia lezione, partendo dal punto c del trattato di Gwf. Prego aprite, per chi ha il testo e le fotocopie, alla pagina 5231. Il professore e la sua aula deserta. La sua ultima lezione. La definitiva umiliazione della conoscenza assoluta. La sua cattedra di "Spiritualismo assoluto applicato alla materia e l'anti-materia" non aveva avuto il successo dovuto.


E non perchè il tema delle sue lezioni non fosse nodo cruciale in questo momento di disintegrazione dell'uomo contro il muro tecnologico che lo aveva stritolato. Anzi. Quanto perchè gli allievi dell'Università di Universo, in provincia di Galassia, per la via lattea, oramai preferivano viaggiare su lussuose astronavi di amici di amici di amici ricchi, che già conoscevano la profondità pura della filosofia etica e umana e ne volevano essere i soli fruitori:


Per distruggerla, farla dimenticare, in quanto alieni in apparenza umani, regalando briciole di bagliori di lusso, agli studenti non più studenti, umani senza memoria. Ma ecco che, mentre il professor Mantra alzò gli occhi per chiudere il libro e uscire per l'ultima volta dall'aula, una donna di mezza età, vestito semplice, e con lei un bambino di cinque anni, entrarono in aula. Mi dica signora. Mio figlio, nonostante l'età è già diplomato e iscritto al vostro corso.


Certo, è minorenne, ho dovuto accompagnarlo. Potrebbe riprendere la lezione? Si rimetterà in pari al più presto. Una lacrima di speranza calò dal volto di Mantra. Fu davvero l'inizio di un nuovo ciclo etico-vitale e spirituale. La luce li abbacinò si trovarono insieme ad altri uomini sulla nuova terra, ancora al riparo da forze malvagie.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Mauro Moscone il 02/03/2012 07:52
    Bè Raffaele complimenti, una piccola gemma ma risplendente però...
    io l'ho letta come una santificazione della capacità di lettura e di ascolto che riesce a fare di un uomo isolato un Re e riesce a tirare fuori il potenziale creativo inespresso sepolto in tutti noi.

    Veramente un gran leggere bravo!

1 commenti:

  • mauri huis il 07/02/2012 19:24
    Fantascienza pura, il mio genere preferito. Ben scritto e piacevole.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0