PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mongolfiere

Mongolfiere: salgono alte nel cielo, non vanno dove devono, vanno dove decide il vento, silenziose portatrici di osservatori.
L'arte di costruire le mongolfiere.
Tra le tante cose che facevo da ragazzo, una in particolare era, costruire piccole mongolfiere.
Prendevo del filo di ferro, il più fine possibile e con quello costruivo lo scheletro della mongolfiera, una bella sfera, con un cesto distante circa 20 centimetri dall'imboccatura, poi una volta controllato, che tutto era regolare, procedevo alla copertura dello scheletro, per farlo usavo la carta velina, in quanto era molto leggera e ben modellabile, per fare il tutto, impiegavo una decina di ore, perché dovevo aspettare che la colla, che utilizzavo per chiudere l'involucro si asciugasse.
Appena possibile salivo sul terrazzo di casa, e con l'aiuto dei miei amici, che mantenevano ferma la creatura, mettevo dei batuffoli di ovatta impregnati di petrolio nel cestello metallico, poi accendevo con l'accendino, la fiamma la controllavo a vista, non doveva essere alta, l'aria calda sprigionata andava a riempire l'interno della mongolfiera, quando ci accorgevamo che non serviva più mantenerla con le mani, capivamo che era pronta per volare, allora mettevamo dei cubi di stoffa precedentemente preparati, imbevuti di petrolio e fissavamo il tutto con una specie di griglia, l'aumento dell'aria calda dava l'input, lei stava su da sola, la tenevamo noi, poi quando si decideva di lasciarla libera, si alzava in volo, saliva, saliva velocemente per un centinaio di metri, restavamo in silenzio a guardarla, spesso ci lasciavamo scappare dei commenti di meraviglia, avremmo voluto essere lì sopra anche noi.
Senza mai perderla di vista ci precipitavamo in strada e correvamo nella stessa direzione della nostra mongolfiera, alcune volte non l'abbiamo più ritrovata, ma spesso riuscivamo a vedere dove andava a cadere e la recuperavamo per poi rimetterla in sesto.
Quando penso a quei momenti sorrido.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • mariateresa morry il 19/02/2012 22:14
    Sensazionale... mi sembra di vedere un quadro di MAgritte, con le sfere colorate che s'alzano pian piano in cielo, i loro colori, i ragazzi gioiosi... soprattutto colori!! Bello Alta, molto simpatico!!
  • Pepè il 19/02/2012 19:35
    Mongolfiere, mi vien voglia di tornare bambino solo per poterci giocare anch'io
  • Anonimo il 19/02/2012 15:27
    E sorrido anch'io... troppo bello. geniale. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0