accedi   |   crea nuovo account

Lacrime di pioggia

Scorrere inesorabilmente come gocce di pioggia su vetri di ghiaccio.
Spesso mi sono sorpresa io stessa nell'osservare quel procedere lento, sottile e delicato, come una bimba che scopre per la prima volta la gioia in una bambola di pezza. Ti guarda con un sorriso tragico, quasi melanconico. Sapete una cosa? Ho scoperto che anche un sorriso dipinto puo' lasciare leggerezza nel cuore, come mai nessun essere vivente è stato capace di fare.
Cos'hanno in comune un bambola di pezza e lacrime di pioggia? Entrambe ti contemplano, ti guardano nel loro riflesso, entrambe hanno qualcosa di plumbeo e sottile, qualcosa di eterno. "Oh, cosa sono gli uomini paragonati a bambole di pezza e a lacrime di pioggia?"
Nulla. Le bambole di pezza non mutano, ti fissano eternamente senza mai voltare faccia. Le lacrime di pioggia sono più simili agli uomini. Avete mai osservato come si evitino tutte indistintamente? Come corrano per superarsi e poi finire chissà dove? Già, chissà dove.
Conoscevo tempo fa una ragazza, eterea, plumbea e sottile come una lacrima di pioggia. Era dritta e ferma, e non teneva in gran conto le altre gocce che cercavano di sopraffarla e sbarrarle la strada; ma sapeva bene che un giorno ne avrebbe incontrata una più grossa delle altre e che l'avrebbe messa in difficoltà. Beh, quel giorno arrivò. Ma incredibilmente non le sbarrò la strada: si fuse con lei, anima nell'anima, goccia nella goccia, come una luce in una taverna, come uno spirito guida. E seppe improvvisamente che l'avrebbe sempre seguita, dovunque avesse deciso di andare.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giorgia Deidda il 28/02/2012 12:44
    Ti ringrazio, molto gentile sto lavorando ad un'opera più complessa, mi piacerebbe davvero tanto scrivere un romanzo incentrandolo su quest'idea! chissà ne uscirà fuori qualcosa di buono
  • Anonimo il 27/02/2012 22:35
    Pensieri davvero profondi. Mi piacerebbe leggere un tuo racconto più definito, con dei personaggi e una storia da raccontare. Secondo me riusciresti a sorprendere. Comunque mi è piaciuto il confronto della bambola con la pioggia, i miei complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0