PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fiera

Istinto guerriero.
Sempre.
Quando scrivo, quando amo, quando ballo.
Sempre con la guardia alta, a proteggere il viso, peso ben bilanciato pronta allo scatto, occhi vigili sul mondo intorno a me.
Non so essere docile, anche nelle frasi più dolci, nei baci più teneri, spuntano artigli pronti a fermare le labbra che mi sfiorano.
Anima cacciatrice.
Scelgo le prede nel branco dell'umanità che non si accorge del pericolo, vedo tutto ciò che si muove dentro chi mi guarda, in un'occhiata so quanto male potrei fare.
Lupa di neve, occhi di ghiaccio a illudere chi spera di vederci un'anima, zanne nascoste sotto morbide labbra, rosse del sangue dell'ultimo cuore.
Il tuo cuore.
Senza permesso, senza avviso, te l'ho strappato dal petto mentre ancora batteva, e ora non sai fare altro che guardarmi mentre lo stringo tra i denti, sapendo che mai amerai così tanto il tuo carnefice.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Erica C. il 28/02/2012 15:37
    Sì, ma questa è un'altra, lunga storia...
  • Anonimo il 28/02/2012 12:56
    E nonostante il male, si continua ancora ed incessantemente ad amare, con l'inutile speranza che un domani questo carnefice cambi e ricompensi il sentimento...