accedi   |   crea nuovo account

Il mio tesoro

Sono una persona che si potrebbe definire benestante, anzi spesso mi sento rimproverare di essere borghese e forse è vero.
Da agiata sessantenne, senza molti problemi finanziari, ho cercato di localizzare un "mio tesoro" arricchitosi nel tempo. Ho deciso che il mio tesoro è una piccola agendina piena di indirizzi e preziosi numeri telefonici.
Andrea l'imbianchino: Proviamo a scorrere le pagine ed inizio con Andrea, che poi è un imbianchino. Uno strano omone che si è presentato al mio appartamento per valutare i lavori, aveva una curiosa borsa di paglia che conteneva una parte dei suoi attrezzi, una borsa smisuratamente piccola e graziosa per quella figura enorme. Forse l'insistenza con cui l'ho osservata lo ha indotto, con un certo imbarazzo, a dichiarare di aver trovato comodo quell'accessorio sicuramente inadatto e vezzoso.
Andrea è un artigiano allegro e puntuale, riesce a non lasciare tracce del suo lavoro e deve essere difficilissimo. Soffre di solitudine mentre lavora e allora si è presentato il secondo giorno con un amico che non fa niente altro che chiacchierare con lui, così con il suo compagno, soprannominato "bimbo" , chiacchierano tutto il tempo e mi sono incuriosita. Parlano di sport, un giorno BIMBO lo ha lungamente sollecitato a decidersi ad accompagnarlo in barca, Andrea però era titubante e alla fine sembrava capitolare a patto che Bimbo avesse la ciambella per lui, sì ha proprio detto la ciambella e non il salvagente ed io ho immaginato questo gigante avventurarsi per mare con una ciambella che è un salvagente da bambini. Andrea mi ha detto che adora il suo lavoro perché si sente libero, gli dispiace solamente di imbrattarsi tutto perché è un imbianchino. Dopo che hanno finito i lavori ho cercato disperatamente un paio di pantaloni neri che avevo dimenticato in un attaccapanni. Solo quando è tornato a prendere i soldi dovuti mi ha confessato che, siccome aveva inavvertitamente schizzato i pantaloni con la vernice, ha deciso di lavarli e me li ha riportati puliti. Sì questo nominativo è un vero gioiello da conservare nel mio tesoro.
Bubi il muratore: questo signore è un muratore che ho sperimentato perché dovevo chiudere una porta e mettere un pezzo di pavimento in un bagno. Bubi è stranamente colto, sa tutto di Michelangelo che poi andava a scegliere il marmo migliore nelle Alpi Apuane, per garantire successo alla realizzazione delle sue statue. Anche Bubi conosce il marmo e mi ha raccontato di come ora non venga più tagliato dai marmisti a Pietrasanta, ma che viene trasportato in blocchi interi al mare e così si sta perdendo la preziosa esperienza dei marmisti locali. Bubi mi ha portato a scegliere il marmo per il pavimento ed ero ansiosa, convinta di andare in una cava specializzata. Invece mi ha portato al cimitero dove ho selezionato un marmo molto bello, sicura scelta di un monumento funerario.
Maria la magliaia: Da quando ero giovanissima ho sempre un gomitolo di lana fra le mani e realizzo moltissimi capi con preziosissimi e intricati pizzi di maglia. Però non so cucire e allora mi aiuta Maria. Lei è una donna precisissima che cuce i miei pezzi di maglia, aggiusta piccole imperfezioni, delle volte disfa e rimette in ordine. Talvolta mi fa i complimenti per la realizzazione altre volte mi rimprovera perché si è accorta che ho fatto un errore. Quando faccio errori mi fa pagare di più. Maria è una donna sfortunata che per lungo tempo è stata costretta agli arresti domiciliari, ritengo per un crimine di cui si è macchiata. Ora non è più agli arresti domiciliari e allora esce sempre, è come una droga per lei e non rinuncia mai con qualunque tempo ad uscire di casa. Devo sempre prendere appuntamento per portare il lavoro e andarlo a ritirare ma alla fine il risultato è sempre eccellente.

12

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rosaria esposito il 29/02/2012 21:03
    un delizioso inventario di semplice, varia e vera umanità...

2 commenti:

  • Anonimo il 16/04/2012 20:29
    hai proprio un libricino magico pieno di fatine ed elfi che san fare di tutto... bellissimo racconto... mi è piaciuto molto
  • Anonimo il 02/03/2012 19:15
    Un bel racconto, ben scritto e, nel contempo, originale, nel senso primitivo della parola. Davvero un bel tesoro. Omaggi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0