accedi   |   crea nuovo account

Abrenet 2

Un uomo dal volto coperto si avvicinò cauto alla porta di una casupola, quasi un capanno, dall'aspetto cadente. Non aveva finestre e sembrava fosse disabitata da tempo. Il comignolo non fumava e le luci erano spente. L'uomo legò il cavallo ad un albero e si guardò intorno per assicurarsi che nessuno lo avesse seguito. Dopo aver verificato che nessuno potesse spiarlo, portò le mani alle tempie chiudendo gli occhi e iniziò a declamare strane litanie, rotolandole tra i denti. D'improvviso il comignolo prese a fumare e una sottile luce ammiccò da sotto la porta. Era quello che si aspettava. L'uomo entrò con circospezione, tenendo gli occhi bassi. Appena all'interno, gli occhi incollati al pavimento, si mise in ginocchio, con un braccio sul petto e salutò
-" Sia lode a te, Maestro Abrenet. Ti rendo omaggio."
Nessuna risposta. La grande tenda nera che nascondeva la parete prospiciente l'ingresso ondeggiò leggermente come mossa da un refolo di vento.
L'uomo toccò l'amuleto che teneva al collo e riprese a parlare
-" Maestro, credo di aver trovato ciò che fa a caso vostro" deglutì e continuò
-" C'è un giovane non lontano da qui. Ha diciassette anni" attese qualche secondo come se si aspettasse una risposta poi riprese a parlare molto lentamente come se ogni sillaba gli pesasse
-"Si è fatto assoldare come sicario, l'unico lavoro che ha trovano per sfuggire alla fame, e ora si appresta a compiere il suo primo omicidio"
La tenda parve fremere di piacere.
-"Un omicidio compiuto da un innocente" continuò l'uomo inginocchiato quasi sillabando soffermando la voce su quell'ultima parola, innocente. Poi, mellifluo
-"Le darà forza. Si chiama Nafer, può trovarlo in una locanda a un chilometro da qui, prendendo il sentiero a Nord. Un omicidio compiuto da un innocente" ripetè, poi dopo un attimo di silenzio:
-" Si ricordi di me, Maestro".
Finito di parlare attese qualche minuto un cenno di risposta, titubante come se fosse incerto sul da farsi; poi la sottile luce che veniva da dietro la tenda e si rifletteva sul pavimento si spense e capì di essere stato congedato.
Si affrettò ad uscire. Fuori l'uomo respirò con voluttà l'aria fresca e viva della notte e sorrise.
-" Via di qui, Astra" disse al cavallo montandogli in groppa.
L'uomo era appena uscito dalla capanna nel bosco e Abrenet a miglia e miglia di distanza, nella sala più interna del suo palazzo, situata al centro di un labirintico groviglio di corridoi e di stanze, si alzò dal suo scranno nervosamente, senza nascondere il suo turbamento. "L'equilibrio, l'equilibrio delle forze si sta modificando" pensava considerando che sia a causa della sua ormai veneranda età che in conseguenza di alcune imprudenze di gioventù gli era sempre più difficile mantenere l'equilibrio a suo favore. Prima l'involontario tentativo di intrusione di Seisel. In quello sfiorarsi di menti la ragazza aveva corso il rischio di essere uccisa. Solo il calcolo degli interessi nel gioco di alleanze che si andava profilando l'avevano mantenuta in vita.

12

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • mauri huis il 15/03/2012 17:53
    Bè, sarà mica finito qui, no? Non fare scherzi... al lavoro!
  • Don Pompeo Mongiello il 12/03/2012 15:48
    Molto apprezzato e piaciuto questo tuo tanto bello!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0