PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Occhi

corto: esco di casa e l'incontro, è sempre uguale tutti i giorni, come potrebbe essere diversamente, ha gli occhi che mi attirano in una maniera devastante,

tanto da non vedere il resto, il resto non so com'è, non mi interessa, mi sono fissato sui suoi occhi meravigliosi, due laghetti, non importa il colore, a me sembra di entrargli dentro e nuotare sino all'anima, è questo che voglio, in apnea,

in qualsiasi maniera, gli occhi sono la porta per arrivare giù.
a volte mi guarda e basta, non so chi è, come si chiama, dove abita, ma che importanza ha,

l'importante che i suoi occhi avvolgono i miei, come a creare un tunnel privilegiato, dove correre tuffarmi e stazionare in un centro di benessere dove sauna e bagno turco non sono niente rispetto alla beatitudine che provo dentro i suoi occhi. ogni mattina è la stessa cosa, perché lo voglio, l'aspetto, non è un caso, non posso mancare all'appuntamento quotidiano della mia beatitudine, me la porto dietro tutta la giornata e anche la notte, non dormo più aspetto e non

dico niente, voglio solo il tuffo nei suoi occhi, sono ormai dipendente devo uscirne e un giorno mi decido di guadare il resto, il resto è la figura di un ragazzo, subito vacillo, ma altrettanto ricordo le emozioni che mi hanno dato gli

occhi più belli che abbia mai visto, e decido che continuerò a tuffarmi
________________________________________

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0