PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La filosofia del dott. Osvaldo

All'improvviso e senza un perché mi trovavo più volte al giorno seduto sulla tazza del bagno, piegato in due dai forti dolori addominali e perseguitato dall'incontenibile stimolo di dover sempre evacuare.
Pertanto decisi di consultare un dottore e la scelta cadde sul dott. Osvaldo.
Così, senza tanti preamboli, mi trovai venerdì 17, alle ore diciassette, di fronte al dottore pronto a fargli presente il mio disagio.
Dopo avermi ascoltato, il dott. Osvaldo mi disse: "Vede, io potrei prescriverle una cura per la colite spastica, come farebbe qualsiasi dottore. Ciò che invece le propongo io è un'altra cosa: la rimozione di una parte del suo cervello che gestisce la memoria. Con l'intervento, la colite non guarirebbe, però dimenticherebbe di averla. Che cosa ne pensa? ”
- Non mi sembra una proposta molto allettante. Perché dovrei subire un intervento al cervello se il problema è l'irritazione del colon?
- Dipende dal risultato che lei vuole raggiungere. Lei vuole che le sfiammi il colon, oppure non vuole più avere memoria del dolore?
- Mi piacerebbe guarire completamente e ritornare quello di prima.
- Mi scusi, ma lei quanti anni ha? Cinquanta? Cinquantacinque? Bene, per quanto tempo crede che starà bene? Curata la colite, seguiranno altre noie e lei passerà il suo tempo da uno studio medico all'altro, fino al punto in cui cadrà in depressione! Quello che io le propongo è la felicità dell'oblio, l'appagamento della dimenticanza!
- Secondo me, lei si sta prendendo troppo sul serio. Credo che farebbe bene se lei seguisse la deontologia professionale del suo ordine che è quello dei medici e non dovrebbe sconfinare in nebulose teorie pseudo-filosofiche. Si attenga alle sue conoscenze professionali. Detto tra me e lei mi piacerebbe guarire dalla colite, essere felice, ma possibilmente senza perdere i miei ricordi.
- Dal mio punto di vista lei sta chiedendo l'impossibile! Vede, mia moglie è appena morta e per non soffrire a causa del suo ricordo ho sottratto ogni oggetto che me la potesse far tornare alla memoria. Ho bruciato le sue fotografie, gettato i suoi vestiti e le sue lettere e poi ho sostituito l'arredamento e la carta da parati. Ora sto bene e vivo spensieratamente.
- Anch'io ho avuto di recente un lutto. È stata un'esperienza devastante, però ho tutta l'intenzione di conservare la memoria di mia madre, perché sono convinto che è stato bellissimo averla avuta per madre. Non è la morte che ci annienta, ma a distruggerci è il pensiero che abbiamo della morte! Possiamo allontanare qualsiasi ricordo della persona deceduta, ma se l'abbiamo amata, questa vive per sempre nel nostro cuore. Una domanda, dottore: perché tanto denaro, fatica e tempo sprecati per bruciare, gettare e sostituire, quando le sarebbe stato più economico e facile prenotare un intervento chirurgico? In fondo cosa non si fa per essere felici...

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 26/03/2012 03:18
    Ben scritta. Con ironia e intelligenza proprie dell'autore, che espone tra le righe la critica a una medicina sempre più dismana, "aliena" all'uomo stessso. Dimentica, e per fortuna solo una parte di essa" della sua funzione, di quel giuramento di Ippocrate, da tanti dimenticato. Bene!!!

1 commenti:

  • eleonora il 09/06/2014 21:25
    qualche anno fa avevo sentito parlare dell'utilizzo dell'ipnosi per fare dimenticare ricordi dolorosi... chissà gli effetti collaterali sulla mente! pura pazzia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0