accedi   |   crea nuovo account

La vita segreta dei pesci

Avete mai osservato dei pesci in un acquario? Cosa fanno tutto il giorno. Nuotano. Girano. Faranno, in un giorno, lo stesso percorso almeno mille volte, ma poi? Non possono girare in tondo in eterno. Si stancheranno dopo un po', e mi chiedo se sanno di essere in trappola. Inizialmente pensavo che i pesci non si rendessero conto di nulla, ma, osservandoli bene, mi sono resa conto che nel loro piccolo anche loro si accorgono di quello che accade. Fissando il vetro della loro prigione chiedendo, anzi implorando, di poter uscire e rivedere un'ultima volta un habitat a loro consono. Ecco cosa siamo; anime imprigionate in un corpo che fissano il mondo sperando in una liberazione che arriverà solo con la morte, cosa considerata negativa nel pensiero comune, ma, per me la possibilità di trovare un habitat ideale. Ma per il momento non mi sento ancora pronta per un salto così grande.

Ogni persona è un grande bunker, pieno d'informazioni riservate, divise con pochi. Forse il mio è leggermente troppo protetto, non riesco, neanche di mia spontanea volontà, a far trapelare informazioni. Mi limito a registrare i comportamenti altrui cercando di decifrarli con calma nel mio piccolo bunker estraniandomi dagli altri. Ormai i miei compagni avranno capito che non sono molto aperta, almeno aperta, perché se no sono ancora più stupidi di quel che io, nel mio bunker, ho capito. Sono stupidi, sì. Questa parola va a pennello alle mie conoscenze; tutti a far capire i loro sentimenti fidandosi di tutti, io mio chiedo perché. Perché? Perché devono andare in giro a raccontare le loro storie a tutti senza un minimo di buon senso, senza che il pensiero che qualcuno possa rivelare in giri i loro sentimenti più intimi alle crude opinioni delle persone. Piacere, sono Alisée; è un nome francese, l'ho ereditato da mia madre che, per l'appunto, era francese. Ha incontrato mio padre quando lui era in viaggio d'affari a Nîmes. Si sono sposati dopo due mesi. Un po' presto, no? Crescendo ho capito che mia madre era in fase terminale e quindi voleva godersi i suoi ultimi mesi, sette per essere precisi, giusto il tempo di mettermi al mondo. Da quello che mi hanno detto ho intuito che è morta prima di partorirmi, mi hanno tirata fuori da un corpo morto, assurdo vero? Forse è per questo che la morte non mi spaventa. O forse è perché sono solo un altro stupido alter ego di quella svitata, sono la numero quattro, il suo quarto alter ego. La ragazza incompresa e addolorata. Prima di me vengono un truccatore leggermente effeminato, una troia completamente svitata e perfino una vecchietta che si lamenta di tutto. Noi quattro formiamo il quadro completo delle emozioni umane.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 27/03/2012 21:27
    Stupenda la stesura del Tuo racconto... un po' meno il tema... crescere senza il calore e l'amore della mammma è impensabile... spero che questo Tuo... non sia autobiografico... Piangerei Emma solo per Te... io che l'ho persa da poco e non riesco a capacitarmi di tutto il suo affetto... ormai perduto!

3 commenti:

  • Anonimo il 29/03/2012 14:06
    Ahi! Ahi! Io per punizione ci avrei messo una bella espressione o un limite da risolvere!
    Ridendo e scherzando, davvero niente male. Pensando ai pesci, mi ha riportato alla mente la frase molto particolare dei Pink Floyd nella canzone "I Wish you were Here":
    "We're just two lost souls swimming in a fish bowl, year after year...", due anime perse in una vasca, che vagano ma non hanno altro spazio, un 'bunker', come sottolinei. Intrappolati giorno dopo giorno...
    Quanto alla questione 'vita privata/pubblica', c'è chi racconta e chi non. C'è anche chi gliene frega qualcosa, e chi non gliene importa proprio.
    C'è dolore verso questo personaggio, e tanta rabbia e se l'hai scritto in un momento di cazzeggio, mettiamola così, be': tanto di cappello e capelli!
    Mi piace, nient'altro d'aggiungere!
  • Emma Akuerkjhgf il 28/03/2012 21:21
    Grazie mille Comunque non è autobiografico, ero solo in un momento di noia durante l'ora di matematica
  • Salvatore Di Trapani il 27/03/2012 21:20
    Un componimento davvero molto bello, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0