PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ridere sul morire

Fin da piccolo Eugenio apprezzava il candore del marmo, la sua durezza, la sua maestosità, si capiva che nella sua vita avrebbe avuto un enorme significato. Anche i genitori erano felici della sua passione, e cercarono di istradarlo alla scultura; ma non era proprio lo scalpello lo strumento preferito dal giovane: la sua passione era un po' più originale, riguardava le tombe.
Anche a scuola passava le ore di disegno immortalando (è proprio il caso di dirlo) cappelle cimiteriali, disegnava le bare in diverse angolazioni, e i fiori da lui preferiti erano i crisantemi.
Anche quando giocava con le automobiline chiedeva sempre ai genitori di comprare i carri funebri e spesso si immaginava i cortei di auto che si avvicinavano ai cimiteri, e passava spesso i pomeriggi dopo i compiti presso un suo amichetto, figlio di becchini, che volentieri raccontavano le loro esperienze e i loro aneddoti.
Quando andava in montagna dai nonni, durante le passeggiate nei boschi, tastava sempre le cortecce degli alberi pensando "ottimo, questo sarebbe resistentissimo per le bare!".
Col passare degli anni Eugenio decide che dedicarsi alle bare ed ai funerali sarà il suo passatempo per la vita.
Ecco che da lì una serie di avventure costelleranno la sua gioventù: come quella volta che alla sua festa di compleanno chiese che sulla torta fossero messi i ceri mortuari al posto della candeline, cosa che procurò infarti al nonno; oppure organizzò una festa a tema in un pub e intrattenne per ore e ore gli invitati parlando loro di bare e funerali.
Spesse volte, in occasioni di eventi luttuosi e funerali di stato, Eugenio non rispondeva alle chiamate, e si chiudeva in casa staccando tutti i mezzi di comunicazione: solo laconicamente mandava messaggini ai suoi amici dicendo che non voleva perdersi neanche un minuto di quelle trasmissioni.
Una volta organizzò anche i campionati cittadini dei becchini: durante una gara di atletica, esattamente la staffetta della bara, morì un becchino di infarto per lo sforzo subito, e immediatamente scoppiò una tremenda rissa fra gli altri perché non riuscivano a decidersi su chi doveva seppellirlo.
Addirittura aveva pensato ai premi: un'urna cineraria al terzo classificato, un teschio per il secondo, ottimo per diventare un porta penne, e al primo classificato un portentoso prodotto per lucidare il legno.
Eugenio strinse amicizia con tutti i preti della città, che ben volentieri lasciavano un posto in prima fila nelle chiese, quando dovevano celebrare un funerale, e spesse volte andava da un sarto a farsi cucire un vestito di misura per l'occasione.
Una volta, però, fu preso dalla collera, allorquando un matrimonio di due giovani sposini della città andava troppo per le lunghe, e al momento del sì Eugenio si alzò stizzito dicendo loro "e sbrigatevi una buona volta! che dopo c'è un funerale! e poi non illudetevi che il matrimonio è la tomba dell'amore!".
Fu l'unica volta che non poté seguire un funerale, dato che fu assalito dai parenti degli sposi, inviperiti per il mancato rispetto della cerimonia.

12

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 29/03/2012 14:57
    Molto piaciuto ed apprezzato questo tuo veramente bello!
  • Ellebi il 28/03/2012 00:35
    Racconto tutt'altro che funereo, anche se parla di funerali. Anzi brioso e spumeggiante come deve essere un racconto comico e questo lo è perfettamente. Mi viene in mente il funerale di Piero Chiara, fu divertentissimo, forse sai come è stato, e comunque Eugenio sembra proprio un personaggio di Chiara. Bel racconto. Saluti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0