PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il profumo dell'Utopia

Erano arrivati a un punto in cui, superata la periferia e le ultime case contadine, il paesaggio si liberava delle sue ultime impronte umane e si distendeva in incontaminati paradisi campestri.
L'arcobaleno, pur essendo la giornata serenissima, si tratteneva ad accarezzare il cielo quasi non l'avesse più abbandonato dall'ultima antica pioggia.
L'uomo si fermo' insieme alla sua misteriosa compagna.
Qualche uccello cinguettava sui rami degli alberi. Ma per il resto regnava tutt'intorno una calma sinfonia di silenzio.
 Voleva bearsene.
E mentre in questo modo fuggiva i pensieri, un pensiero più ostinato degli altri gli sovvenne. Era stato così occupato e incantato, durante il viaggio, dalle parole e dalla figura che l'accompagnava, che non aveva minimamente pensato di chiederle chi fosse, da dove venisse, dove lo stesse conducendo, quale fosse il suo scopo. Si era fatto trasportare come si fa trasportare un fedele cane dal suo padrone.
E quella sinistra padrona stava in quel momento immobile accanto a lui.
L'immobilità, unita al lungo mantello che copriva il suo corpo-se corpo aveva- e alla maschera variopinta che portava, saccheggiava gli ultimi residui di umanità della sua sagoma.
Ancor peggio, l'uomo si accorse di un fatto insolito: non proiettava ombra e il suo lungo scialle, tremolante al vento, si faceva trasparente ai lembi, tanto che attraverso di essi poteva vedere la porzione di cielo retrostante.
Ma questo mix di stranezze, che si ingarbugliava man mano che la contemplava, non faceva che renderlo sempre più succube del suo fascino enigmatico.
Si accorse che l'amava dell'amore che si prova verso un ignoto che è per metà mistero e per metà strana e inconscia intuizione.
E fu questa oscura passione a spingerlo a fare ciò che fece.
Gli uccelli si zittirono. Il silenzio si fece più silenzioso.
Tutto avvenne molto in fretta e con la velocità da cui si esce da un sogno.
Si avvicinò a lei. L'abbracciò con trasporto...
Si trovò a stringere il nulla.
La figura c'era ancora. Ma eterea si confondeva con l'aria quasi fosse un armonioso tutt'uno con essa.
Sogno in un'atmosfera onirica, aveva l'incubo e il terrore nel volto.
Si alzò di scatto, per quanto sia possibile vedere l'aria scattare, e cominciò a parlare:
"Tu, Uomo, se pensi di toccarmi speri invano.
Nessuno ne ha la possibilità.
Potrai farlo quando la luna poserà le argentee dita a chiuder i tuoi occhi.
Potrai farlo ogniqualvolta scioglierai le catene a Pensiero e Fantasia.
Ma non potrai farlo qui nel Mondo.
Ti ho messo davanti agli occhi i confini che separano gli uomini.

12

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • tylith il 11/04/2012 22:58
    Ho trovato questo racconto davvero bello, ho sentito il profumo della libertà e l'ho vissuta non come utopia ma come reale possibilità di poterla incontrare e tentare di abbracciarla. Scritto inoltre davvero bene!
  • Aurora il 11/04/2012 20:16
    Desiderio di una libertà impossibile.. Grazie Marhiel
  • Marhiel Mellis il 09/04/2012 16:43
    WOW l'Utopia come acquila... fiera, selvaggia maestosa... forse perché nell'astratto di un pensiero resta immortale desiderio!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0