PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

È solo immaginazione attiva libera, ma mi piace assai

Qualche volta, stuzzicanti amici di mail mi chiedono:
- Scusa, Moscone, noto che sei sempre spietato con i tanti (troppi) vizi e difetti della scrittura Web; ma allora, perché continui a svolazzare in tanti (troppi) forum letterari e non ti occupi di altre cose?
E soprattutto, è possibile che nella litweb non ci sia davvero niente di buono e di costruttivo?
E allora, spesso rispondo così:
- La litweb è solo immaginazione attiva libera, ma mi piace assai.
Cercherò di spiegarmi senza rifugiarmi negli enigmi e nell'esoterismo d'accatto.

Dopo anni di esperienze con la litweb e di contatti con internauti che la masticano con gusto e consapevolezza, mi azzardo ad affermare che la litweb ha una sola valenza costruttiva fertile e gravida di significati:
l'immaginazione attiva libera
Questa forma di arte/autoterapia/autoplasmazione psicologica è praticata da un pugno di autori che sono in grado sviluppare una creatività intuitiva e spesso consapevole che mi affascina e perché sanno usare la litweb per quello che veramente è e può dare; la liberazione della propria immaginazione e dei propri simboli personali.
Questi autori intriganti sono dei refrattari, e mi vanto di appartenere alla loro esigua schiera.
Refrattari a che cosa?

La nostra industria culturale è ancora legata al patetico mito romantico e ottocentesco della "personalità straordinaria", del "genio eccezionale" che sa produrre da buon bottegaio l'opera stratosferica, capace di vendere milioni di copie sul mercato.
Insomma, un mix davvero letale di romanticismo e di consumismo, avvelena ancora oggi, potenziato dai nuovi mezzi tecnologici, la concezione dell'arte e della ricerca del proprio potenziale espressivo.
Questi lit bloggers sono recalcitranti a questa idea autoritaria del "genio di (e sul) successo" e rivolgono una feroce, spietata ironia al culto della personalità, "all'innato talento artistico", "alla suprema forza di volontà d'imporsi con tenaci strategie di marketing".
I miei amici refrattari scrivono con un'altra e alta ispirazione: accedere tramite l'immaginazione liberata dalla litweb alla propria anima e al proprio potenziale creativo.
Questi webartisti sono dei siluri subacquei che sanno usare il medium della litweb in modo squisitamente ironico e umano, per affondare le corazzate del Profitto e della Retorica.
Ah, fantastici Corsari immaginali, poeti dell'acidità corrosiva quanto immaginifica, quanto vi venero!
Nei loro testi traspare, allusivo, beffardo e graffiante un messaggio forte e chiaro:

123

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 12/04/2012 22:28
    Tutto ciò che siamo, e facciamo, nel bene e nel male diventa fruibile. Vuoi tramite una telefonata, vuoi tramite la scrittura di un testo sul web o su carta a un amico. Pensare che alcuni artisti contemporanei, inseriti in meccanismi di cui mecenati sfruttatori hanno il controllo, producono latte con contenuto i loro bisogni. Hai ragione Mauro a dire che non siamo V. i. p, lo diventiamo quando ci esaltiamo per troppi V. i. p. che sono come dici tu. E poi il vero artista, non dà sfoggio di se, se non costretto dal meccanismo industriale. CIò non toglie, te lo confesso, che mi capita di produrre per conto mio con la mia stampante dei fogli con ciò che scrivo. Ho pubblicato due poesie nella mia vita: una con il mio nome su un opuscolo gratuito e un'altra sempre per un concorso senza fine di lucro. Insomma, la tentazione che qualcosa resti materialmente da parte mia ce l'ho, ciò che si crea deve andar libero. Certo restando liberi, solo come pochi artisti veri, in tutti i campi, possono e sanno fare. Come sempre mi hai dato occasione di dire un sacco di cose, forse anche a sproposito, ma di questo, come libero pensatore e cratore di scritti, te ne sono grato!!!

5 commenti:

  • augusta il 10/04/2012 16:05
    ok, molto chiaro
  • Mauro Moscone il 10/04/2012 15:56
    Augusta, in estrema sintesi: la scrittura Web è un ottimo strumento per liberare le immagini della nostra anima, ma un pessimo Tiranno quando la si vuole fare diventare una merce o un fine materiale:
    un best seller, uno specchietto per le allodole per fregare dei gonzi, un sistema per rimorchiare delle prede sessuali, un codice per qualche setta fanatica.
    Sono stato chiaro? Cosa c'azzecca il tutto contro tutti?
  • augusta il 10/04/2012 15:18
    dimmi due parole e forse capirò... grazie, sai non è da tutti capire io per prima...
  • Mauro Moscone il 10/04/2012 15:15
    scusa Augusta, ma non è che hai capito moltissimo...
  • augusta il 10/04/2012 14:55
    insomma, da quello che ho capito sei contro, tutto e tutti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0