accedi   |   crea nuovo account

Il vecchio marinaio

Al centro della città, proprio dove erano i palazzi del potere, luogo frequentato da importanti personalità della politica, della finanza e dell'economia, aveva trovato alloggio un barbone, sistemandosi sotto un porticato per ripararsi dalla pioggia.
Nessuno conosceva il suo nome, le sue origini, la sua età. In verità nessuno aveva mai visto neanche il suo vero volto, che nascondeva dietro una folta barba grigia, lunga fino al torace. L'unico tratto distintivo era un giaccone blu da marinaio, malconcio e puzzolente ma abbastanza pesante da consentirgli di potersi difendere dalle gelide temperature invernali.
Non parlava mai con nessuno, e se qualcuno tentava di rivolgergli la parola si limitava a guardarlo con occhi brillanti accennando un sorriso con la sua bocca sdentata. Solo quando davanti alla sua postazione passava una di quelle importanti personalità, allora reagiva con un sussulto e la salutava sempre con la medesima frase.
" Ti basta la benzina, eh? Dimmi, ti basta? "
Dapprima venne lasciato perdere, confidando soprattutto in un suo breve soggiorno sotto quel portico. Quando però si accorsero che il vecchio non aveva nessuna intenzione di andarsene, nel perdurare di quella situazione che minacciava di coprirli di ridicolo i notabili decisero di ricorrere alla loro autorità sollecitando l'intervento della pubblica sicurezza.
Un vigile urbano venne incaricato di intimare al vecchio senzatetto di allontanarsi dalla città al più presto.
Di fronte a quel giovane in divisa, intento a leggere con aria solenne l'ordinanza del sindaco che, per motivazioni di igiene pubblica, gli imponeva l'immediato allontanamento, il vecchio clochard lo ascoltò pazientemente fino alla fine. Poi, dopo averlo guardato in faccia a lungo, iniziò a parlare.
"Non agitare troppo i tuoi remi, giovane guardia. Il tuo cammino è ancora lungo."
Il vigile cercò di ribattere, ma quelle parole lo sorpresero a tal punto che si limitò ad emettere pochi monosillabi e nessuna frase che potesse avere alcun significato. Il vecchio proseguì il suo discorso.
"Gli uomini come te, che poi costituiscono la gran parte dell'umanità, è come se
andassero in giro per il mare con una piccola barca a remi. Possono solo
bordeggiare lungo la costa senza mai spingersi nel mare aperto. Possono contare
solo sulle proprie forze, ridicole di fronte alla vastità degli oceani. Vivranno
dunque, e moriranno, senza aver conosciuto la bellezza misteriosa del mare. Poi
ci sono loro, quelli che comandano. Sono pochi, ma la loro avidità non conosce
ostacoli. Navigano a bordo di potenti barche a motore, lasciando lunghe scie al loro
passaggio, senza curarsi molto dei danni che possono provocare. Sembrano

12

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Dora Forino il 16/04/2012 18:27
    Quanta saggezza dal vecchio clochard. Un racconto che ho molto gradito. Complimenti.
  • mauri huis il 16/04/2012 18:03
    Bello e interessante. Purtroppo corto. Complimenti e ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0