PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'abbandono

Per infinite volte, da grande, ho rivisto quella immagine, proprio quella: la sagoma esile di mia madre alla finestra.
Da dietro, non vista, notavo i sussulti della sua schiena. Stava immobile, contro il giorno che finiva a chiedersi perché.
In quella severità e in quella assenza totale di dubbi, percepivo un dramma.
Mi aveva insegnato ad essere forte, a camminare senza mai voltarsi. Camminare il passo dei grandi, sicura, senza dar retta ad alcuno. A testa alta. Così come lei. Ma guardandola scuotersi mi sentivo incerta, piegata su me, sola.
Cadevano li tutti i suoi insegnamenti.
In fondo allo stomaco, avevo una fitta che si estendeva, violenta, oltre. Indefinibile, sentivo come una minaccia alla mia vita... io:- bambina.
Ancora la scrutavo, mia madre, per capire. Tutto intorno era misterioso. Silenzioso.
Ogni tanto si avvicinava a lei qualcuno, parenti, gli stessi che mi allontanavo da quella postazione, dove riuscivo a vedere l'autunno, benché fosse estate.
Ecco, mi dissi: - in questo preciso attimo è l'autunno.
Mi sembrava di sentire cadere le foglie, il lamento che si stacca piano dal ramo,
l'abbandono, giù lieve, nel sole ancora assopito. Li.
Nascosta, ferma nel silenzio, ascoltavo la morte.
Papà era morto... la fitta si impossessò di me, definendo così quell'attimo. L'abbandono.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ellebi il 18/04/2012 02:52
    La malinconia è una costante dei tuoi versi e del tuo conciso raccontare. Una malinconia introspettiva dolorosa, che trova lenimento (forse) soltanto nel ricordo e poi nello scriverne. E lo scrivere serve a dare ordine alla "confusione" dei ricordi.
    Questo mi pare di capire. Saluti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0