PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Chi fa non dice

Chi fa non dice e chi dice non fa.
Come un avido re, avido degli altrui sospiri, reca mazzi di spine, travestite da rose da un malvagio fattucchiere, all'ingenuo fanciullo ch'abita quel regno lontano: la gioia.
"Son colui che fu, è e sarà vostro rifugio" disse al popol suddito tutto.
Un regno di fame e dolor creò ai suoi piedi.
Il fanciullo correa pe' strade e li sentieri; sorridea al popolano e alla bambina, alla vecchierella e al gattino.
Pane e gioia portava nelle case. Nessuno mai la sua dimora vide.
Non un palazzo, non una villa... solo una grande anima con cui dar rifugio a tutti.
Il fanciullo ricevette il mazzo di rose che subito docili parean a li occhi suoi.
Una spina malefica sfiorò il tenero dito e la piccola vita cadde spirando.
Chi fa non dice e chi dice non fa... e in chi non fa, gelosia pura prende possesso del cor velenoso.
A colui che sacrificio facea della sua vita,
la spina bugiarda pungerà le dita.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 19/04/2012 20:50
    La trovo una favola breve ma ben studiata, e come tutte le favole si pensa sia solo per bambini. eppure c'è riflesso il nostro essere umani, tra virtù e debolezze. Magari non insegna, ma propone l'occasione per riflettere un pochino sulle spine che hanno spianato la mia vita. In fondo il regno della gioia ci appare sempre un po' lontano
  • senzamaninbicicletta il 19/04/2012 14:38
    molto bella, apprezzatissima. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0