PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mi dimentico dell'esistenza

Proverò a sbirciare fra le fessure delle imposte e calarmi in un tiepido soffio nel grande spettacolo che la natura si fa strada ogni mattina;tagliando le cose con l'accetta, rifilando gli orli e allargando i margini.
Occhi affascinati, ebbri davanti alla leggerezza del vento che s'impegna fra le nuvole per poi attraversare grandi alberi per chinarsi fra mille foglie scuotendole e posandole sul terreno in rafiche dolci.
Il sole già calante, i suoi raggi che hanno smesso la loro prepotenza di luce cortese e il grande giardino sprofonda nel sonno dell'inverno.
Non ha urgenza di svegliarsi è pigro e quando la sua pigrizia si desta, ecco che fiocchi di neve scendono.
Il paesaggio è di una bellezza straripante e un passo sbadato ne rovinerebbe l'intimità
e allora in quel momento, sistemo i miei fastidi e baratto le parole con il silenzio.
M'indugio ancora nell'alcova dell'inverno, ma ecco che le giornate intrisiche di gelo si sgretola, le prime gocce danno il benvenuto, alla primavera.
La stilista dei fiori espone tutti i colori. È magia.
Tutti si concedono al grande risveglio in un frastuono di rumori, suoni e vanitoso è l'eccesso di luce e calore e di foglie nuove che si qualificano come il vero inizio d'estate.
Osservo angoli sperduti della campagna e m'incanto davanti a sfumature di colori, esaltati da giornate piene di sole e con delicatezza e armonia che poi s'affaccia la luna.
Essa allestisce la notte con paesaggi, nell'indolenza e sonnolenti e così, come Siddharta
mi siedo davanti al fiume, mi dimentico dell'esistenza, m'inebrio della natura e mi abbandono nella certezza che tutto ciò che vi abita nel grande universo, è sistemato in modo tale da fornirmi continue emozioni.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/04/2012 15:15
    bello bello, condivido ogni singola parola, anche perchè questo è un racconto ma è come se fosse poesia...

12 commenti:

  • augusta il 27/04/2012 12:27
    grazie ignis, del tuo passaggio...
  • Aedo il 26/04/2012 18:02
    Un racconto che ci invita a godere delle bellezze della natura. Brava!
  • augusta il 25/04/2012 15:39
    affascinante frivolous... pensavo di avere scritto una cosa inutile... ma la recensione tua e il commento di s. m. b... mi hanno davvero... inebriata... 1 beso ad entrambi...
  • augusta il 24/04/2012 14:10
    un grazie, a suz e alice... 1 beso...
  • alice righetti il 24/04/2012 00:40
    La prima parte è un po' così così .. dura, la seconda parte più scorrevole dolce... ma brava
  • Anonimo il 24/04/2012 00:28
    È scritta con tanto cuore. Sei sincera come sempre nel descrivere le tue emozioni.

    Suz
  • augusta il 23/04/2012 12:13
    bellissima rosanna... sai quanto tengo a te per i tuoi commenti grazie.
  • rosanna gazzaniga il 22/04/2012 20:33
    Adoro la natura e mi ritrovo nelle tue sensazioni descritte in modo così spontaneo! Un abbraccio!
  • augusta il 22/04/2012 13:00
    cara loretta, si avrai pure ragione che ci possono essere troppi errori, ma perdonami ancora una volta, io scrivo così, mi mancano(forse) le basi di una buona scuola di scrittura... ma dai grazie... cmq
  • augusta il 22/04/2012 12:56
    bellissimo s. m. b.è un vero onore il tuo passaggio, che poi tu l'abbia messa fra le preferite... e qui m'ingrasso più di 100 kg...è un modo di dire... grazie
  • loretta zoppi il 22/04/2012 11:36
    Troppi errori, per me, va corretta e riproposta. Peccato. Un saluto
  • senzamaninbicicletta il 22/04/2012 11:27
    grande prova di scrittura, davvero complimenti sentiti!!! Bravissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0