PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Paste d'Italia

Il sole batteva impietoso sui vetri, il climatizzatore automatizzato forzava altra aria calda; l'unica fonte di refrigerio era una bottiglietta di acqua minerale ghiacciata, che usata come una borsa dell'acqua fredda, mi aiutava a stemperare il calore del corpo.
Pensai: la gran mole di lavoro mi aiuterà a dimenticare il caldo!
Dopo due ore di lavoro, m'accorsi che la vescica reclamava, avevo bisogno di andare al bagno.
Mi alzai dalla mia postazione, deciso a soddisfare il mio bisogno. Chiusi la porta dietro di me, poi feci scivolare la lampo e con mistica rassegnazione guardai il soffitto, affinché tutto si svolgesse nel modo più naturale possibile. Avevo appena trovato l'ispirazione, quando sentii bussare.
- Chi è? Chiesi - sorpreso. "Sono, Maria. Stai in pausa?"
- No, la pausa ce l'ho tra un'ora. Questa è un'interruzione non pianificata. Direi una pausa spot!
- Non conosci la nuova procedura? Stamane ho inviato un briefing a tutti. Non l'hai letto, allora?
- Scusa, Maria. No, non l'ho letto. Però se non ti dispiace vorrei fare un po' di pipì, ma se tu continui a parlarmi, la mia vescica si blocca! E addio pipì!
- Allora, i nostri tecnici hanno inserito su Syntesis una nuova icona per le pause urgenti. La prossima volta, prima di andare in bagno, dovrai selezionare quell'icona. D'accordo?
- Non potremmo parlarne dopo? Mi sto sentendo male...
- Se ti senti male, potrei chiamare il pronto intervento medico. Hai comunicato il periodo di ferie estivo? Prima di darti malato, me lo dovresti comunicare!
- Va bene: prenoto il periodo di agosto; poi hai inviato un briefing sulle pause urgenti. Ma adesso... posso pisciare?
- Mi troverai davanti alla tua postazione per darti gli ultimi aggiornamenti.
Ritrovati il silenzio e la tranquillità, finalmente espletai il bisogno. Nemmeno il bagno non era più il posto sicuro di una volta, dove tenere distanti i seccatori! Fedele alla promessa fattami, la Santa Inquisizione mi stava aspettando. L'espressione grave e le occhiaie profonde mi scrutarono, mi sentii in colpa al di là dei miei presunti meriti.
Poi, con piglio mi chiese: sei per otto?
- Quarantotto: procedura col botto!
- Sei per sei?
- Trentasei: fossi un altro piangerei!
- Sei per dieci?
- Sessanta: per tutti noi sei una Santa!
Bene, visto che hai risposto bene ad ogni mia domanda, ti autorizzo a riprendere il tuo lavoro.
Ero felicissimo! Le parole della signora Torquemada mi avevano rinfrancato. Era come se fossi stato nuovamente assunto! Viva il Pesto! Viva la Pasta! Viva le Paste!

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0