PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lettere d'un pazzo N. 1

Non è bello? Se fossi un uomo dei tempi che amo tanto ti darei del "Voi" e così ho intenzione di fare in questa lettera confessionale che mai v'invierò per quella mancata fiducia in se stessi che attanaglia il cuore di moltissimi uomini e che anche se in misura inferiore avvelena il mio.
Voi non vi vedete, non come vi vedo io, la luminosità fatta persona.. persona? Oh no, perdonatemi, l'uomo è crudele, meschino, volgare e spudoratamente parassitario, ma voi, crudele (a modo vostro) mi tormentate nel modo che io più amo, apparite con virulenta dolcezza e invadete con plotoni di sguardi i miei pensieri, voi siete la penna che sputa le parole che tanto piacciono a chi capita malauguratamente in vicinanza di esse.
Ed io? Mi vedete? Esco vestito di dubbi, con sguardi congelate da fredde ignoranze che crollano come foglie morte davanti ad una brezza estiva.. eppure voi mi volete, come mai?
Siete forse così lontana da questo mondo da riuscire a volermi anche solo lontanamente bene? Oh ma il mio animo urla nello scrivere questo sopra un foglio immaginario sbucato da una macchina, macchierei una vera lettera con lacrime bollenti che tormentano gli occhi di chi sta per morire di pura gioia, ora però, vi prego, permettete ad un sognatore come me un grandissimo onore, lasciatevi amare.. Vi prometterei i miei sogni, vi donerei le mie fantasie, sareste l'indiscussa protagonista delle mie scritture e vi donerei una vita "da libro": ogni giorno scriverei per voi una nuova storia e puntualmente la inciderei con gesti nella vostra vita, ogni giorno vi regalerei quelle parole e le farei reali rendendo il vostro vivere un dolcissimo mezzo per evadere la realtà, vi ricoprirei di poesie, passioni, giochi e tutto ciò che vi possa illuminare il viso con un sorriso.
Vi vorrei sollevare dal mondo e portarvi nella più completa fantasia dove potreste dar vita ai vostri pensieri e dove urlare idee non sarebbe mai considerato un reato. Vi prego, lasciatemi scrivere la vostra felicità.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Roberto Pellegrini il 07/05/2012 04:22
    Una lettera ben scritta e forse mai spedita... o almeno mi piace immaginare.

1 commenti:

  • Anonimo il 06/05/2012 20:51
    davvero una dedica d'altri tempi! C'è da chiedersi chi sia la misteriosa lei!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0