accedi   |   crea nuovo account

Raccogliendo l'essenza

La strada che percorro è così polverosa e accidentata che per quanto mi sforzi di camminare dritta, m'inclino su quell'alito che mendico in preziosi minuti che tu mi dedichi.
Il fuoco che s'accende è devastante, altissime fiamme bruciano il mio corpo, per poi lasciare a terra solo fuliggine spazzata via dal vento.
A tratti mi sento ubriaca di felicità per poi errare senza meta, cerco di chiudere tutte le porte ma, sono così sfinita che questo affare così turbolento, veglia su lacrime calde e ancora ferme sulle guance che le tue labbra, asciugano prima che esse cadono.
Mi piacerebbe essere indifferente, svagata, indolente, annoiata e provare un'avventura galante ma, temo che sia una schiocchezza.
Come posso pensare anche per un solo istante, cadere in questa trappola che non m'appartiene, è così forte questo odore di passione, che non ho nessun dubbio se non da parte tua, licenziare questa magia del dolore.
Affollati sono i miei pensieri, passo da un equilibrio sorvegliato ad un disordine mentale, che solo una lucida ragione, mi trattiene d'abbreviare la vita.
Il cuore mi si spacca è come una ferita seria, è astuto non vuole rimarginarsi, combattuta lascio che questo dolore affidi alla mia mente, ciò che io non sono in grado di fare.
Quando sto con te è una magica sospensione di sussurrati colloqui e quelle mani che misurano l'ampiezza di questo amore.
Sono incerta nel proseguo ma, so già che ad un tuo cenno mi offrirò palpitante e mi piegherò al tuo fascino, raccogliendo l'essenza di quella bellezza straordinaria, segreta, D'AMANTE.

 

1
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/05/2012 13:56
    bè malincononuccia anche tu... scrittura vera e lirica nello stesso tempo... uno dei tuoi pezzi migliori, almeno fino ad ora!!!
  • senzamaninbicicletta il 06/05/2012 10:08
    una battaglia persa in partenza in cui l'amore è alleato della passione "Mi piacerebbe essere indifferente, svagata, indolente, annoiata e provare un'avventura galante, ma temo che sia una sciocchezza" no non lo credo il cuore che soffre ha bisogno anche di questo almeno prima "che solo una lucida ragione mi trattiene d'abbreviare la vita". belle le immagini molto calde delle mani che misurano l'amore. tutto il testo è scritto molto bene (okkio ai refusi ve ne sono molti) in modo riflessivo e delicato. brava augusta

5 commenti:

  • tylith il 09/05/2012 11:50
    In effetti a me questo racconto è piaciuto molto e non lo trovo per niente insignifiacante come tu dici, ma il contrario!
  • augusta il 08/05/2012 12:21
    perdonami tylith... ma ho dovuto andare su google per vedere cosa vuol dire.. RAVANANO... bellissima grazie ma troppi complimenti...è proprio vero quando ti sembra di avere scritto... un racconto quasi insignificante...è invece il contrario...
  • tylith il 08/05/2012 10:47
    Davvero bello questa "essenza" d'amore rubato! Ho visto di tutto e più lo leggo e più le mie mani "ravanano" nella tua anima fino a sentirne la consistenza! È forte, è tenero è malinconico ma è anche violento, passionale, "svagato", indaffarato, complicato! È bellissimo!
  • augusta il 06/05/2012 14:46
    ciao frivolous... e si anch'io malinconuccia...
  • augusta il 06/05/2012 12:53
    grazie... s. m. b...è un vero piacere il tuo passaggio che come sai stimo molto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0