PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Incontri

Cammino, solo nella notte, la pioggia bagna i miei abiti ed i miei pensieri, non mi curo di tutto ciò, mastico con rabbia, ma non riesco ad inghiottire i miei errori, che rimangono li, nella mia bocca e nella mia testa, che li partorisce senza pietà, guardo lo scorrere lento e pigro del fiume, dall'alto del ponte, dove mi trovo, dove penso debba finire tutto. Poi sento fischiettare, un motivo a me familiare, vedo arrivare avvolta in un mantello una figura scura, come la notte, che avvolge senza curarsene tutto e tutti, penso sia la nera signora che viene per darmi l'ultimo saluto, invece a pochi passi da me apre il suo mantello, fa un inchino, mi sorride, riprende a fischiettare e passandomi vicino mi sussurra: "c'è sempre una speranza, da prendere o da dare,"guardo bene e lo riconosco solo adesso:ho incontrato me stesso! Lascio il ponte, il fiume continua a scorrere, non si è nemmeno accorto che non ha avuto il mio abbraccio, tanto sa già che dovrà accogliere quello di qualche altro disperato, seguo l'ombra nella notte, ora sono io che fischio, ma la pioggia smorza le mie deboli note, l'ombra è sparita, la luce di un lampione lampeggia ed al mio passaggio, si spegne, quando sono lontano mi volto e si riaccende, ho un pensiero che mi assale, sono io che porto l'ombra ed anche il male, tutto intorno a me è ombra, assenza di luce,"quando è iniziato tutto ciò?"Mi chiedo, ma non c'è risposta, solo il rumore continuo ed ininterrotto della pioggia che ormai si è impossessata di tutto il mio corpo, porto le mie mani al volto e mi accorgo che anche l'acqua è diventata scura, l'orrore prende il posto della disperazione.. ma ad un tratto ecco arrivare in questa notte irreale un uomo in bici, un'auto lo abbaglia, sbanda e cade, un attimo prima di essere investito le mie mani lo afferrano e lo fanno rotolare sul marciapiede li vicino, sento un urto e vedo una luce, questa volta non si spegne, solo ora mi accorgo che sono stato io ad essere colpito, non ho dolori, solo un senso di pace e finalmente intorno a me tanta luce!

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/05/2012 10:26
    ... ti auguro di non perdere
    mai queste luce,
    ben scritto
    complimenti.

2 commenti:

  • Vilma il 18/05/2012 16:41
    un racconto pieno di riflessioni, molto bello
  • stella luce il 14/05/2012 18:34
    un raccontolo molto bello Leopoldo, a mio parere il tuo più bello fino ad ora letto, pieno di considerazioni, di riflessioni... forse perchè sul quel ponte ci sono stata anch'io e come il tuo protagonista ho ripreso la mia vita... siamo noi alle volte a portare il male e... c'è sempre una speranza da prendere o da dare... bravissimo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0