username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Scandinavia

Viaggiare in aereo per me si traduce in un misto di paura ed eccitazione, non capisco come facciano tutti quanti ad essere così rilassati e sorridenti ma ora che Palermo è collegata con Oslo da un volo diretto non voglio perdermi la Norvegia!

Un week-end mi basterà e con pochi soldi ce la posso fare.
Il volo parte da Punta Raisi alle quindici in punto e arriverà a Rygge dopo poco più di tre ore di viaggio.
La fase del decollo è sempre un trauma, per fortuna che accanto a me sta seduta Emilia, una studentessa della mia città, così facciamo amicizia e iniziamo a parlare del più e del meno. Ho scelto il posto panoramico così -da vero masochista- mi godo tutti i paesaggi, le nuvole, il mare.
Comunque, aleggia sempre una certa inquietudine ben celata, che riesco a percepire.
Poi, verso le 17, dopo due ore di volo tranquillo si vede già il mare del Nord e una nuvola scura, rotonda... si muove, non è una nuvola!
Si avvicina sempre di più, ma che diavolo... Riesco a vedere una luce rossastra, pulsante al centro.
Emilia, ma... guarda. Oddio... ma cosa.. È vicino... Poi una forte scossa di terremoto, l'aereo sobbalza, in poco tempo è il panico... cadono giù le maschere... perdiamo quota e io sono di pietra, Emilia gli occhi sbarrati...
Guardo fuori, la cosa è ancora lì, appena fuori dall'oblò. Poi si allontana ad una velocità inspiegabile, l'aereo riprende quota, la gente applaude.
Laggiù in lontananza, con uno sforzo di immaginazione, riesco a vedere le luci del fiordo di Oslo.

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 27/05/2012 18:13
    racconto fantstico... divertente e umano... e poi la norvegia dev'essere stupenda!
  • Anonimo il 27/05/2012 13:41
    ... io andrei nelle isole Far Oer, lì sì che c'è ancora un po' di natura incontaminata. Chissà perché hai scelto il presente per un viaggio che si presume sia stato già vissuto.
    Bravo.

3 commenti:

  • Anonimo il 28/05/2012 13:04
    Ma dai vacci, magari sarà più bello di quanto lo immagini!
  • vincent corbo il 27/05/2012 13:52
    È solo fantasia ma il volo diretto Palermo-Oslo esiste davvero e sarebbe mia intenzione di andare appena possibile (sperando che il raccontino non sia premonitore).
  • senzamaninbicicletta il 27/05/2012 09:03
    incontro ravvicinato? oslo è bellissima spero te la sia goduta. Bel raconto con quel pizzico di surreale che non guasta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0