accedi   |   crea nuovo account

Sapori

PANI CA MEUSA

È un panino con milza e ricotta, si gusta caldo.
Ricordo che da bambino mio padre me lo comprava in una stretta viuzza del centro.
Da schizzinoso qual'ero, stranamente lo amavo. Era di un sapore dolce, rotondo, privo di fronzoli ma conturbante. Sempre bagnato e caldissimo, mi fece compagnia per gran parte della mia infanzia.

CERVELLO DI BUE IMPANATO

Era delizioso, la delicatezza del suo gusto non aveva eguali se messo a confronto con altre "prelibatezze".
Aspettavo con ansia il momento di gustarmelo in santa pace: aveva un leggero sentore di mandorle e la compattezza di un budino. Peccato che da adolescente lo vidi sotto una luce completamente diversa e non ne volli più sapere.

FRAPPÈ DI CAFFE'

Nei primi anni del liceo, a volte andavo a studiare a casa di un compagno che era rimasto orfano di padre.
A un certo punto sua madre se ne usciva con questo "frappè di caffè". Non ho più gustato niente di altrettanto delizioso e aromatico di quell'intruglio. Ricordo che aspettavo il momento in cui la donna si presentava come una messaggera di pace col suo vassoio.
La sua freschezza era ineguagliabile!

L'UVA DEL SIGNOR GENOVA

Mio padre aveva un cugino di secondo o terzo grado che a volte ci invitava in campagna per mangiare l'uva bianca: un vero tesoro della natura! Credo che mangiare un grappolo di quell'uva equivalesse ad allungarsi la vita di almeno un mese. I chicchi enormi come susine, il gusto incredibilmente completo.
Ricordo quelle mangiate di uva come un momento speciale della mia adolescenza, un tempo diverso, qualcosa di prezioso al quale aggrapparsi quando il mondo sembra crollare addosso.

 

5
6 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 18/01/2014 13:27
    Insolita e stupenda un racconto che ci porta in altri tempi
  • Anonimo il 27/08/2012 12:22
    Un succulento viaggio fra i piaceri del palato
  • Anonimo il 31/05/2012 08:54
    ... mi hai fatto vinire fame... nonostante
    non abbia mai mangiato ciò
    che hai descritto...
    preferisco arancini e "scacciate!"

6 commenti:

  • tylith il 01/06/2012 15:47
    L'importante è che se io capitassi in Sicilia non mi offri nè Pani ca Meusa nè il cervello di bue impanato!
  • mariateresa morry il 31/05/2012 15:21
    Come è simpatico qusto tuo associare sapori e gusti a momenti della tua vita!! Tutto sin intinge in un unico ricordo. Dissento solo sulla cervella impanata, che mi ripugnava. A me dicevano che aumentava l'arguzia, invece con il tempo si seppe che era una bomba di colesterolo!!
  • Anonimo il 31/05/2012 14:57
    Altra idea geniale... continua così. ciaociao
  • Anonimo il 31/05/2012 13:13
    E va bene, ma tu non puoi farmi questo proprio quando debbo andare a mangiare!
    A proposito... con tutta l'uva che ti sarai mangiato, camperai più di cent'anni!
  • claudio meazzi il 31/05/2012 10:27
    Si ricordo il pasto della mia Sicilia!
    Grazie!
  • Anonimo il 31/05/2012 09:34
    Il sapore dei ricordi. ***** Originale. Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0