PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lass mich nicht

- Parlatemi di lei...?! ; di vostra moglie. Come è morta?
- Oh, è passato molto tempo. Mia moglie... Brischit era... amava sognare, di vivere in mondi lontani, assolutamente fantastici, e... nei negli ultimi periodi era diventata quasi un ossessione per lei!
- posso solo immaginare... che cosa deve essere stato per lei vivere in quella situazione.
Il vecchio Louis, si fa per dire, tiro un lungo sospiro tentando di ingoiare le lacrime.

- lei crede di essere rimasto... segnato dalla situazione di sua moglie?
- che cosa intende, si spieghi meglio!
- si è mai sentito in colpa per non essere riuscito ad aiutarla? ... a darle quello che le dava sognare mondi in reali...
- i sogni facevano parte della malattia, non faceva parte di lei!
Louis comincio ad alterarsi, muovendosi scompostamente sulla sedia.

- lei mi ha detto... prima... che i sogni c'erano sempre stati e che si erano amplificati durante e al termine della malattia di sua moglie... non creati?!
- si è ciò che ho detto! Che cosa volete insinuare?!
- ... signor louis, è evidente che non è la morte di vostra moglie a turbarvi. ... non fraintendete, ma non avete un bel aspetto signore.

- neanche voi signora Buate sapete... !
Il signor Louis si alzo, ed era pronto ad andarsene dallo studio, se per tempo la psicologa non lo avesse fermato.
- signor louis! Non vorrà negare che lei ha bisogno di queste sedute!?
- io non ho bisogno di lei! ... io... io ho bisogno di spiegazioni, di fatti!
- e io sono qui per darglieli, sono qui per aiutarla a comprendere perché ... perché sua moglie è ...
- non dica cosi! ... lei non è ! ... no, no... lei...
- signor louis!
La psicologa era ormai incredula, di fronte a ciò che vedeva. L'uomo che aveva avuto davanti nei messi antecedenti alla tragedia, era scomparso. Davanti a lei, ora, viera un uomo che sprofondato nelle pazzie della moglie.

La seduta era terminata da ore ormai, eppure la signorina Buate non riuscita a smettere di pensare alla reazione del signor Louis, quando ella aveva tentato di accennare alla morte della moglie.
Continuavano a balenarli in mente, il possibile timore che Louis avrebbe potuto raggiungere presto Brischit.
Poi però ragionandoci meglio pensò che la moglie, non si era suicidata era stato un tragico incidente non premeditato da nessuno dei due.
In quel momento, il caso di Brischit, che da prima era stato cosi chiaro hai suoi occhi, le sembro più incoerente che mai.

123

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 01/05/2014 01:36
    anche io penso che la storia sia buona e che si intravede l'opera di una scrittrice in erba. tuttavia penso che tu debba dare un certo ordine alla narrazione.
  • Anonimo il 25/06/2012 20:47
    Grazie per il commento costruttivo, non mancherò .
  • Ellebi il 20/06/2012 00:19
    Beatrice, la storia è davvero interessante, ma è necessario rivederla e correggere quegli errori che possono falsarne il significato. Devi dare ordine più attento alla composizione.
    Io credo che tu sia molto giovane. Sei comunque brava. Saluti.