PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Zino e il suo padrone

Quella sera, Zino stava per andare a cuccia. Il suo desiderio predominante, però, era quello di cibarsi di un po' di pappa rimasta e nell'istante in cui provò l'acquolina in bocca, fame, grazie alla casa con cuccia annessa, biotecnosensoriale, senza nemmeno muoversi, ecco davanti a lui, in cucina, la zuppiera fumante! Slurp! Mangiò due o tre bocconi, sempre nello stesso luogo ma, ora, in bagno?



Sotto la doccia fin troppo fredda. Abbaiò Gli si rizzò il pelo. "Domani dico al mio padrone di chiamare il tecnico! Brr, che è troppo sensibile questo modello di abitazione stanza- multi-stanze con elettro sensori realizza desideri umani e canini. In realtà nello stesso luogo ma in un altro luogo, nella stessa stanza ma nella camera da letto, il suo padrone sognava che finalmento Zino facesse il bagno.



Era due settimane che non lo portava per rinfrescarlo al negozio dove lavavano i cani. L'elettro sensore aveva funzionato, perchè lo aveva impostato anche per la notte e quindi realizzava anche i desideri sognati. L'indomani mattina si trovarono nella stessa stanza, insieme a passeggiare nel parco, e incontrarono Zina, la canina innamorata di Zino, e la sua padrona, signora davvero carina e single.



Il suo padrone da qualche giorno ci parlava, parlava, parlava, parlava e parlava. La signora carezzò Zino, e Zino, sbirciando gli occhi del padrone, si sentì felice, eh si, eran tutti e due innamorati!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 04/06/2012 09:51
    Il mondo visto dalla parte degli animali. Originale. ***** Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0