PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Gergoriano

1.
Erano le primi luci dell'alba, quando Amyra stava facendo una passeggiata al mercato di Grafen, che era in fase di allestimento. Sylos invece era andato a fare una cavalcata vicino al fiume, per stare un po' da solo. Da un anno era finita la battaglia contro Felloby; il ragazzo era riuscito a sconfiggerlo, e aveva sposato Amyra. Da allora aveva fatto solo piccoli duelli con Amyra o con qualcuno della città, ma cose da poco; usava la magia di rado, solo per occasioni particolari o di bisogno. Amyra dopo aver fatto compere tornò a casa per cucinare il pranzo, e lì incontrò Selem e Mera, che avevano deciso di fare una visita a sorpresa; pochi minuti dopo Sylos si presentò sulla soglia della porta, e abbracciò i suoi genitori, che non vedeva da un mese. "Come mai siete venuti così all'improvviso senza avvertire?","Beh, vedevamo che non venivi più, e così abbiamo deciso di venire noi da te" "Mi dispiace di non essere venuto, ma ultimamente ho molti pensieri che mi ronzano in testa, ed oggi se n'é aggiunto un altro". "Quale?" chiese Amyra distogliendosi nel tagliare un pomodoro "Mentre venivo qua ho incontrato il custode del trono della città, e mi ha detto che questo pomeriggio si riunirà il consiglio per decidere chi salirà al trono; come uccisore di Felloby secondo loro dovrei essere io". "E qual è il problema?" chiese subito Mera, "è un peso troppo grande per me un regno, e poi ci sono cose più importanti di cui preoccuparsi!" "Ultimamente mi sento strano, come se la magia stesse abbandonando il mio corpo." "Ma come è possibile? Significa che qualcuno cerca di sottrarti i poteri? E come?" "Non ho la risposta a nessuna delle tue domande papà, non so come spiegarlo né so come risolvere il problema, so solo che c'è qualcosa che non và!" "Consultati con Merod allora, lui saprà aiutarti" "Hai ragione Amyra, parto subito." Sylos, aiutato dai suoi genitori ed Amyra, cominciò a prepararsi, e dopo un'ora era già in viaggio, diretto verso il palazzo dello scorbutico Merod. Fu proprio quest' ultimo che, quando alla sera Sylos giunse alla sua destinazione, gli aprì la porta; "Mi aspettavo che saresti venuto!" "E come?" il sommo fece accomodare il ragazzo su una poltrona accanto al camino. "So tutto quello che accade, non per niente sono un sommo" "Quindi sai il motivo per cui sono venuto?" "Sì, ma la cosa è ben più grave di quanto pensi!" "Prima di parlare, credo che tu voglia farmi delle domande, vero?". Sylos aveva solo una domanda, che necessitava di una risposta "Perché sento che la magia mi sta abbadonando?" "Una creatura molto antica e potente ha fatto ritorno nelle valli; il suo nome è Xasio è un Gergoriano; quando eri da Lodred avresti dovuto incontrarlo nelle tue letture, ma a quanto pare il mio caro amico ha voluto evitare l'argomento. Purtroppo questa dimenticanza è costata la vita a farsen, che è morto per scoprire di più sulla creatura", "farsen è morto!", "sì, mentre faceva ricerche xasio lo ha ucciso". Calò un momento di silenzio che venne interrotto da una domanda del ragazzo "Cos'è un Gergoriano?"; Merod si alzò con un sospiro "Un Gergoriano è una creatura malvagia, creata dalla magia stessa per respingere i maghi durante la guerra, fu lui che tolse i poteri ai maghi, non a tutti come ben sai, agì su ordine della Magia; fu la creatura a parlare agli uomini al centro delle valli quella famosa notte" "Quindi è a causa del suo ritorno che la mia magia sta scomparendo!" "Bravo, è proprio così." "Ma ora che la magia sta scomparendo c'è da chiedersi perché? Non c'è nessuna minaccia, è per questo che ti ho detto che xasio è malvagio, perché non sta agendo su ordine della magia, ma sta facendo questo da solo, ha preso coscienza, e non vuole stare più al servizio della magia" "Quindi credi, che voglia prosciugare tutta la magia per impedire che essa lo comandi" "naturalmente; in te c'è l'ultima stilla di magia che è rimasta nelle valli, dopodiché saremo indifesi contro una creatura come Xasio, se prosciuga la tua forza magica." "Non si può fare nulla per fermarlo?", "Forse. questa creatura non è stata mai combattuta, e quindi non si può sapere come fermarlo!", "Comunque bisogna agire prima che i miei poteri scompaiano completamente." "Merod, quando ci vorrà prima che i miei poteri spariscano?" "100 anni fa Xasio prosciugò la magia nei maghi in un anno, ma ora che la magia non lo tiene più sotto controllo può anche risucchiare i tuoi poteri entro domani, non ho una risposta certa, so solo che prima agiamo, meglio sarà!". Merod e Sylos si recarono nella biblioteca del castello, per sapere più cose possibili sul Gergoriano; Purtroppo non c'erano tante informazioni, c'era scritto tutto quello che già sapevano, anche nei libri più antichi e importanti. sylos dormì nel castello, e durante la notte Lodred gli appari in sogno, era molto reale, come se il sommo fosse veramente lì, -Sylos, ascoltami attentamente, devi tornare a Rassen, nella mia biblioteca ci sono le risposte ai tuoi interrogativi- -Lodred, come fai ad avere delle informazioni su come sconfiggere Xasio, nessuno dei sommi le ha!-, -Io sì, la mia biblioteca ha più libri di quanto sembra, sotto le macerie sarà più difficile cercare, ma i libri sono nei sotterranei, solleva i massi con la magia e trova le risposte alle tue domande; salva tutti-. Come se nulla fosse successo, le parole si spensero e il sogno svanì; Sylos si svegliò al mattino tardi, e ricordò tutto ciò che era successo nel sogno, riferì subito tutto a Merod, che partì con lui a rotta di collo verso il vecchio castello di Lodred. Arrivarono nel pomeriggio, e pranzarono in una taverna, nella periferia del paese; Si diressero verso i resti del castello a piedi, e Sylos ricordò come fosse stato magnifico quel castello l'anno prima, lì aveva scoperto chi era in realtà, un mago, l'ultimo mago, ora che Felloby non c'era più. Purtroppo le preoccupazioni di Sylos non si erano spente, e così dopo solo una anno di pace, egli doveva ritornare a combattere per salvare il destino delle valli, era un suo dovere, era il suo destino. anche se all'inizio non poteva crederci, alla fine ha dovuto accettare di essere quello che era, nessuno può cambiare il destino delle persone. Lui aveva solo il potere di impedire a Xasio di impadronirsi delle valli, non poteva fare altro; ma doveva sbrigarsi a trovare una soluzione, altrimenti se i suoi poteri se ne fossero andati troppo presto, nessuno, neanche lui avrebbe potuto fare nulla per evitare la catastrofe imminente. Con un incantesimo molto semplice, Sylos riuscì a sollevare i massi che bloccavano l'entrata ai sotterranei della biblioteca di Lodred; Come quest'ultimo aveva detto a Sylos, la biblioteca era molto più grande di quanto sembrasse, ed era già molto grande senza i sotterranei, "Ci sono migliaia di libri qui, come faremo in così poco tempo a trovare ciò che ci serve?", "Pazienza Sylos, cercheremo di fare del nostro meglio, e se non ci riusciremo, agiremo di conseguenza." "Mi hai detto proprio tu che senza la magia il destino delle valli è segnato! Se no facciamo in fretta tutto sarà stato vano", "basta parlare, cominciamo a cercare, non dobbiamo piangerci addosso, c'è un mondo da salvare. non serve a nulla struggersi per una cosa che ancora non è accaduta, certo è un rischio far scorrere tanto tempo, ma non abbiamo altra scelta" Sylos sorrise al pensiero che Merod fosse il vecchio scorbutico di sempre. Passarono giorni, e i poteri di Sylos si affievolivano sempre di più; ma finalmente la fortuna si riaccese, quando Sylos sentì una voce, era Lodred che lo chiamava - Sylos, stai cercando nel posto sbagliato, sei nel sotterraneo della biblioteca, ma non sono tutti lì i libri, ci sono scompartimenti segreti che io stesso ho costruito, per mantenere il più al sicuro possibile alcuni volumi che sono di vitale importanza, tra quei tomi ce n'è uno che ti potrà aiutare a riportare la serenità nelle valli, ma fa presto, come ti sarai accorto i tuoi poteri si stanno sempre più affievolendo, entro un mese non li avrai più, io non posso più aiutarti, proteggi Amyra e salva le valli da una fine ormai certa-. La voce del sommo si perse nell'oscurità come la volta precedente, Sylos informò Merod di controllare ogni scaffale in cerca di scomparti segreti; Ne trovarono uno nello scaffale al centro dei sotterranei, era quello giusto, perché c'era un libro dal titolo "Il Gergoriano e la Grande Guerra". Finalmente dopo tanta fatica, la loro ricerca aveva portato alla meta tanto agognata.

1234

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • leopoldo il 20/10/2012 09:55
    Bella, molto fantasiosa e coinvolgente. Migliora la punteggiatura ed i periodi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0