PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come tutti noi

Il nostro eroe si trovava davanti ad un bellissimo prato verde, dove l'erba cresceva dolce e soffice. Al suo fianco si trovavano due bellissime ragazze che carezzavano voluttuosamente il suo volto, probabilmente, neanche lui conosceva il nome di quelle tipe.
Per una persona abituata al caos cittadino quel panorama verde doveva sicuramente essere una fantastica visione, potete ben immaginarlo mentre, con il sorriso luminoso, tira a se le sue due accompagnatrici e si lancia alla scoperta di questo regno naturale.
Nella sua vita tutto era stato conquistato con la massima onestà, partendo da zero si era costruito un impero finanziario di dimensioni colossali e ora poteva finalmente dedicarsi al divertimento più sfrenato.
Si accese lentamente una sigaretta e si sdraiò sul prato osservando la sensualità delle sue compagne che prontamente si mettevano ora al suo fianco, senza smettere però di carezzarlo.
Il resto del mondo se ne stava distante e dormiva, mentre lui, scaltro e silenzioso, allungava la mano per prenderne una parte.. poco per volta.
Poteva ridere liberamente del suo passato e senza alcun problema poteva disprezzare chi (come lui aveva fatto) tentava di far carriera raschiando il fondo del grande piatto del mondo.
Le due ragazze si addormentarono dolcemente al suo fianco nel giro di qualche attimo e lui, colpito da qualche cosa di violento, decise di non svegliarsi più, il suo mondo crollava ora davanti alla solitudine e alla tristezza, niente e nessuno lo avrebbe più svegliato da quel magnifico sogno, lo sapeva, lui era morto, doveva solo ammetterlo.. come tutti noi.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vilma il 14/06/2012 13:40
    riflessione molto apprezzata, complimenti
  • Bruno Briasco il 14/06/2012 13:35
    Un racconto riflessivo che mi è piaciuto particolarmente per la sua originalità e intensità di pensiero. Complimenti!
  • salvo ragonesi il 08/06/2012 08:06
    da qualche parte ho letto :vano ò delle scene il diletto ove non miri a preparar l'avvenire. non si può vivere solo di sogni anzi si muore dentroinevitalbilmente. piaciuta bravissimo salvo