PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quando si comincia a parlare delle isole

"Ho iniziato la tesina con l'immagine dell'isola della Corsica e vorrei chiuderla infine con un'altra immagine, quella dell'isola di Itaca. La vita, ha detto qualcuno, è un sogno che non si può sognare due volte. Ma la vita è anche un viaggio, un viaggio che ha un inizio e una fine. Partiamo dalla famiglia con il suo amore che ci circonda, viaggiamo per seguire diversi scopi e lavoriamo sodo per raggiungerli. In tutto questo viaggio, che siamo coscienti che un giorno avrà una fine, immaginiamo la nostra vecchiaia vissuta in un'isola di pace, nel grembo della nostra famiglia e circondati con amore.
Sfortunatamente le cose cambiano, il mondo cambia ed è sempre in cambiamento. E non solo per il meglio. Spesso, penso che stiamo perdendo la nostra Itaca.
È diventata un'abitudine morire lontano da casa e dalla famiglia, e spesso senza aver accanto le persone care che ci tengono la mano. I miei nonni sono morti a casa circondati dall'amore e dal rispetto, non so se io l'avrò questa fortuna. Il pensiero di una morte solitaria mortifica la dignità della persona. Non possiamo portare l'Itaca dai nostri anziani, ma possiamo far sentire loro che sono accettati per quello che sono e amati. Mettendo l'amore in quello che facciamo. Perché anche loro hanno ancora tanto amore da dare. Nella mia tesina ho discusso le difficoltà del nostro
lavoro ma non posso non accettare che essa mi abbia regalato anche dei momenti che hanno appagato invece la mia fatica e le hanno dato un senso ed un significato.
Perché la vita, qualche volta sembra che non abbia un senso, ma ogni momento, ogni azione, ogni giorno ha in sé ha il suo senso."

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 25/06/2012 16:20
    profondo e riflessivo nel suo scorrere...
    BRAVA SUSANNA

2 commenti:

  • Anonimo il 16/08/2012 15:27
    La tua Itaca è in ognuno di noi, è la speranza di cose semplici ma di immensa umanità! Grazie.
  • Anonimo il 25/06/2012 19:49
    bella riflessione, di una donna intelligente e consapevole del problema esistenziale di una società moderna... in base alle letture ed ai commenti a questo brano "si parrà la nobilitate del sito" che ahimè è in caduta libera. ciaociao Suz... 6 grande

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0