accedi   |   crea nuovo account

Le regole di Lionel

Porta che si chiude dietro di te. Porta che si apre davanti a te.
Ordini urlati per ogni sequenza apertura-chiusura.
Varchi la soglia. Porta che si chiude dietro di te, porta che si apre davanti a te.
Ogni volta è un rumore di metallo trascinato che termina in un secco clang, forte come uno sparo.
La colonna sonora di qualunque attività che non sia starsene distesi sulla branda a fissare il soffitto, ti accompagna in ogni momento, ad ogni passo che fai, come a ricordarti che puoi andare avanti perché qualcuno te lo permette, e che in ogni momento potresti rimanere lì, bloccato tra le due porte.
Da qualche parte aveva letto che i neonati che trascorrono i primi anni di vita lì le prime parole che imparano non sono mamma o papà, ma aprire e chiudere. Non sapeva fosse vero, ma di sicuro era plausibile. Tristemente plausibile.
Una vita scandita da porte che si aprono e si chiudono senza che tu possa nemmeno toccarle, azionate da fantasmi. E ad ogni clang quegli interminabili secondi di sospensione in attesa che il cancello davanti si apra.
L'ultima porta però si aprì e si chiuse dietro di lui senza alcuna ulteriore attesa, senza che davanti a lui ve ne fosse un'altra.
Lionel Montecristo varcò la soglia del cancello e si ritrovò nella strada deserta. Davanti a lui una striscia di asfalto da cui poteva vedere, nell'aria sfocata, salire la calura del mattino, lo separava da un paesaggio sconfinato di campi aridi, l'orizzonte chiuso solo da qualche macchia di alberi.
Sempre dando le spalle alle porte che si aprivano e si chiudevano fece i suoi primi passi da uomo libero fuori dal penitenziario di Salt Bay. Si frugò in tasca, indossò gli occhiali da sole e si accese una sigaretta.
I suoi unici averi erano costituiti dagli oggetti di quel piccolo rituale: un pacchetto con quattro sigarette avanzate, un accendono di metallo, un paio di Ray-ban neri, oltre ovviamente ai vestiti che indossava: un completo nero di buon taglio, una camicia bianca, una cravatta sottile sottile.
Il solerte impiegato dell'ufficio matricola aveva conservato tutto per quei due anni e mezzo, e la sigaretta gli sembrava dannatamente buona, un sapore migliore di quelle che aveva fumato durante quel lungo oblio.
Se non avesse avuto timore di apparire retorico ed idiota avrebbe detto che sapeva di libertà.
Il sole lo colpiva in faccia, ed era incredibilmente bello. Si passò una mano tra i capelli folti e meditò sul da farsi.
Anche se hai avuto un'infinità di tempo per pensarci - pensare è stata l'unica attività degli ultimi anni, il gioco da detenuti tu cosa fai appena esci? - quando poi arriva il momento non sei mai pronto.
Fece qualche lento passo lungo la strada, le scarpe che scricchiolavano nel terreno sassoso.
Aveva sentito che circa cinquecento metri più in giù c'era una fermata dell'autobus.

123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0